• 7
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 18 agosto, 2018

articolo scritto da:

Poste Italiane: buoni fruttiferi e rimborso anticipato. Bollo viene scalato

Poste Italiane: buoni fruttiferi, truffa online

Poste Italiane: buoni fruttiferi e rimborso anticipato. Bollo viene scalato

Importo bollo Poste Italiane per i buoni


Cosa succede se si chiede il rimborso anticipato dei buoni fruttiferi di Poste Italiane? Quali sono le conseguenze su capitale, interessi e bollo?

I buoni fruttiferi di Poste Italiane sono un prodotto molto interessante e conveniente su cui investire. Perché non prevedono spese di gestione o di rimborso, né eventuali commissioni. Ad eccezione solo gli oneri di natura fiscale. Ma cosa succede con il rimborso anticipato dei buoni fruttiferi di Poste Italiane? Quali sono le conseguenze sul capitale, sugli interessi di rendimento e sull’imposta di bollo? Andiamo a fornire le informazioni utili sulla questione.

Poste Italiane: buoni fruttiferi e rimborso anticipato, gli interessi

In caso di rimborso anticipato dei buoni fruttiferi postali, il capitale è restituito al 100% al netto degli oneri di natura fiscale sussistenti. In breve, il capitale non viene toccato. A non essere corrisposti sono invece gli interessi. Infatti, qualora si richieda il rimborso anticipato dei buoni prima del periodo minimo previsto dal particolare tipo di buono sottoscritto, gli interessi non arrivano. Ogni buono ha una durata minima per l’esborso degli interessi di rendimento.

Lo stesso vale per i Buoni 3×4, laddove gli interessi maturano alla fine di ogni triennio. Se per questi tipi di buoni si chiede il rimborso anticipato prima della maturazione relativa al primo triennio, il capitale è restituito; ma gli interessi, non ancora giunti a maturazione, non verranno erogati. Qualora si chieda il rimborso al quinto anno, saranno erogati solo gli interessi del primo triennio e non quelli del secondo, e così via.

Buoni fruttiferi: indice Istat in Gazzetta Ufficiale

Poste Italiane: buoni fruttiferi e rimborso anticipato, il bollo

Per quanto riguarda l’imposta di bollo, questa è determinata al 31 dicembre di ogni anno. Esenti dall’imposta di bollo sono i Bfp con valore di rimborso non superiore a 5.000 euro. Inoltre, a partire dal 2014, l’imposta di bollo minima ammontante a 34,20 euro risulta abolita.

Se un soggetto sottoscrive un Buono fruttifero di un determinato importo sopra i 5.000 euro e poi chiede il rimborso anticipato, cosa succede? Ricordando che si applica l’imposta di bollo, essendo la somma sopra riportata superiore a 5.000 euro, il valore netto del rimborso è inferiore al valore nominale sottoscritto? A questa domanda la Cassa Depositi e Prestiti risponde nel modo seguente. “In tali casi ai risparmiatori non sarà addebitato l’importo pari alla porzione dell’imposta di bollo applicata che abbia determinato un valore netto di rimborso inferiore al capitale investito”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: