• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 13 ottobre, 2018

articolo scritto da:

Rimborso buoni fruttiferi di Poste Italiane a intestatario errato, i rischi

Buoni fruttiferi di Poste Italiane: rimborso a intestatario errato

Rimborso buoni fruttiferi di Poste Italiane a intestatario errato, i rischi

Buoni fruttiferi e intestatario errato, come può succedere?


Parlando di rimborso dei buoni fruttiferi di Poste Italiane può avvenire che lo stesso venga effettuato a un intestatario errato. O meglio, a un soggetto che non c’entra nulla. È una cosa che può succedere perché è già successa e la giurisprudenza si è già espressa in merito. Prima di andare a vedere l’episodio nel dettaglio e scoprire quali sono i rischi e le conseguenze, facciamo un passo indietro. E vediamo in breve qual è la procedura da seguire per ottenere il rimborso dei buoni fruttiferi postali.

Buoni fruttiferi postali: come chiedere il rimborso

Infatti, generalmente ci si deve recare presso l’ufficio di Poste Italiane, portando con sé l’originale del Buono a sé intestato con il documento di identità e il codice fiscale; ovviamente è preferibile portabile con sé anche copia di tale documentazione. A questo punto l’intestatario dovrà compilare un modulo rilasciato in ufficio e procedere pertanto al rimborso di quanto maturato, a seconda delle condizioni e della tipologia del Buono stesso.

Buoni fruttiferi di Poste Italiane: come risolvere gli errori di trascrizione

A proposito di errori, nelle Faq della Cassa Depositi e Prestiti si chiarisce la procedura da seguire nel caso in cui i dati anagrafici riportati sul Buono fruttifero siano parzialmente errati. Cosa bisogna fare prima di chiedere il rimborso? La CDP risponde nel modo che segue. “Al momento del rimborso è necessario presentare un certificato di ‘congrue generalità’ rilasciato dal Comune di nascita. Dal quale si possa evincere che il soggetto che si presenta per il rimborso e il soggetto con le generalità riportate sul titolo sono la stessa persona”.

Poste Italiane: Bfp e rimborso anticipato. Bollo viene scalato.

Buoni fruttiferi: rimborso a intestatario errato, cosa fare

È successo in Umbria. Una signora era cointestataria di due Buoni fruttiferi postali. Stiamo parlando di Buoni della Serie O emessi a fine marzo 1983 a cadenza trentennale. Giunto il termine atteso, la signora si è recata in un ufficio di Poste Italiane per riscuotere quanto dovuto. La risposta che ha ricevuto è stata però disarmante. I Buoni erano già stati rimborsati, perfino prima degli anni Duemila, ovvero quando non erano ancora scaduti, a un altro soggetto imprecisato. La signora ha ovviamente dimostrato le sue rimostranze, chiedendo prove tangibili a riguardo. Prove che Poste però non ha mai mostrato. A questo punto la signora si è affidata alla tutela dell’associazione dei consumatori Adic, sporgendo numerosi reclami. Nonostante l’Arbitro Bancario Finanziario avesse dato ragione alla signora, Poste ancora non aveva pagato il corrispettivo. Da qui il ricorso al Tribunale Civile di Perugia che ha condannato Poste al rimborso dei buoni richiesto oltre al versamento degli interessi legali.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: