pubblicato: mercoledì, 14 novembre, 2018

articolo scritto da:

Conto corrente: prelievo dopo morte intestatario, cosa si rischia

Conto corrente

Conto corrente: prelievo dopo morte intestatario, cosa si rischia

Decesso titolare conto corrente: cosa succede dopo


Quando muore un parente, a parte il dolore personale, si presentano tanti doveri; tanti adempimenti anche e, soprattutto, di tipo burocratico. Tra questi alcuni riguardano il conto corrente del defunto; rispetto a questi spesso vengono commessi degli errori che è meglio evitare; in primo luogo, per non incorrere, nel caso delle infrazioni più gravi, in delle conseguenze dal punto di vista penale.

Innanzitutto, nel caso di potere di firma – cioè, delega ad operare sul conto – bisogna evitare di prelevare subito del denaro. Infatti, prima è necessario avere la dichiarazione di successione; inoltre, bisogna aver pattuito la divisione della somma presente sul conto con tutti gli eredi. Se non si rispettano queste condizioni, chi opera sul conto può essere citato in giudizio dagli altri eredi. Oltre al fatto che verrà obbligato a restituire l’importo prelevato o trasferito.

Conto corrente: prelievo dopo morte intestatario, cosa si rischia

Dunque, essere titolare ad operare su un conto non dà diritto a operare prima di aver sbrigato alcuni passaggi. Tuttavia, la banca è obbligata a consentire delle operazioni  – in virtù del suddetto potere di firma – da qui la possibilità di incorrere in errori e, di conseguenza, in sanzioni. D’altra parte, per consentire di operare su un conto, l’istituto creditizio non può chiedere di esibire l’autorizzazione degli altri eredi se opera il titolare della delega.

Il comportamento corretto, però, prevede che il titolare della delega a operare sul conto, in primo luogo, fornisca un rendiconto a tutti gli eredi una volta operato un prelievo o, comunque, un trasferimento di denaro. Quindi, gli altri eredi sapranno quanto gli spetta dell’importo preso dal conto. Infatti, quest’ultimo è come se fosse diventato comune. In caso contrario, potrebbe configurarsi da parte di chi opera sul conto il reato di appropriazione indebita. È ovvio poi che il titolare della delega sarebbe individuato come fonte di responsabilità civile rispetto agli altri eredi.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: