pubblicato: sabato, 17 novembre, 2018

articolo scritto da:

Pensioni opzione donna 2019: requisiti e beneficiari verso la proroga

Pensioni opzione donna 2019 requisiti e beneficiari verso la proroga

Pensioni opzione donna 2019: requisiti e beneficiari verso la proroga

Beneficiari proroga opzione donna 2019


Proroga opzione donna 2019: le novità

Cosa deciderà il Governo in tema di pensioni? Al momento è praticamente certa l’introduzione di Quota 100. In più si parla della proroga della cosiddetta opzione donna e della volontà di bloccare l’avanzamento di 5 mesi dell’aspettativa di vita. Rimandata, a causa delle necessarie coperture economiche, l’applicazione della cosiddetta ‘Quota 41’. Ma andiamo con ordine. Per avere l’ufficialità delle misure bisognerà attendere l’apposito decreto. Mentre è di qualche settimana fa l’approvazione della nota di aggiornamento al DEF. Documento in cui sono state stilate le priorità dell’agenda di Governo che danno seguito al programma del Governo del cambiamento. Compresi i 6,7 miliardi di euro con cui dare seguito al superamento della riforma Fornero.

Pensioni opzione donna 2019, questione costi e coperture economiche

La manovra complessivamente avrà un impatto complessivo di circa 40 miliardi di euro. Confermate le stime che sono circolate nelle scorse settimane che prevedevano una spesa di circa 7 miliardi di euro per le misure previdenziali. Una cifra da considerata al netto dell’introduzione della cosiddetta pensione di cittadinanza. Perché la misura che porterà all’aumento delle pensioni minime è da considerare a parte.

A proposito di risorse da recuperare Luigi Di Maio ha più volte fatto riferimento ad un apposito gruppo di lavoro. Lo stesso che è ancora al lavoro per elaborare un piano di tagli necessari. L’obiettivo è di recuperare almeno 3-4 miliardi di euro, oltre ai tagli già considerati, che dovranno andare a regime entro un anno.

LO SPECIALE SULLE PENSIONI A QUESTO LINK

Pensioni opzione donna 2019, requisiti e beneficiari

Il decreto chiarirà definitivamente requisiti e beneficiari. Ricordiamo cosa è richiesto per il triennio 2015/2018: requisito contributivo 35 anni e requisito anagrafico 58/59 anni.

Tutti gli esponenti di Governo, compreso il vicepremier Salvini nella puntata di OTTO E MEZZO andata in onda su La 7 l’8 novembre 2018 (qui il link), ha confermato la proroga di Opzione Donna. Stando alle notizie ufficiali pubblicate sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – comunicato del 10 ottobre 2018 – “il Ministro ha dato mandato ai tecnici del Ministero di mettersi a lavoro su questo dossier”. Sempre il 10 ottobre 2018 si è svolto un incontro tra il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi di Maio e le rappresentanti del Movimento Opzione Donna che hanno ribadito l’importanza della proroga di questo istituto in Legge di Bilancio. Incontro avvenuto alla presenza delle Deputate della Commissione Lavoro, Maria Pallini e Jessica Costanzo. Obiettivo dell’incontro la volontà di “sensibilizzare il Governo e il Parlamento sull’importanza della misura”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: