• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 13 ottobre, 2018

articolo scritto da:

Pensione di invalidità: importo rendite e requisiti, quali sono compatibili

Pensione di invalidità

Pensione di invalidità: importo rendite e requisiti, quali sono compatibili

Rendite pensione di invalidità: le compatibilità


Il lavoratore che subisce un infortunio a causa del lavoro svolto è tutelato dall’Inail, così come chi soffre di malattie legate alla sua professione è tutelato dell’ente. Dunque, l’istituto eroga alle suddette categorie delle prestazioni economiche e sanitarie, anche nel caso in cui il datore di lavoro non abbia versato il premio assicurativo.

Ciò avviene in base al cosiddetto principio dell’«automaticità delle prestazioni». Tuttavia, quest’ultimo non vale per i lavoratori autonomi. Quindi, un coltivatore diretto o un artigiano, per esempio, non in regola con l’assicurazione, non riceverà alcun assegno. Almeno fino all’assolvimento dell’obbligo contributivo.

Pensione di invalidità: non cumulabile con rendita Inail

La prestazione più erogata dall’Inail è la rendita vitalizia per inabilità permanente. Si assegna nel caso in cui l’infortunio o la malattia professionale abbiano causato una menomazione compresa tra il 16% e il 100% dell’integrità psico-fisica. A seconda del grado di menomazione cambia l’importo dell’assegno annuale. Ecco allora che se il grado di menomazione è pari al 16% l’assegno sarà di circa 1.200 euro; via via salendo, al lavoratore con un grado di menomazione del 100% vengono erogati poco più di 17mila euro.

Al di là della percentuale di menomazione fisica (danno biologico) la rendita può essere assegnata anche in base a un altro parametro. Infatti, a pesare sul risarcimento può incidere anche il “danno patrimoniale” subito dal lavoratore. In questo caso, la rendita viene calcolata applicando un determinato coefficiente alla retribuzione effettiva percepita del lavoratore –  da rapportare al minimo e al massimo – nell’anno precedente; importante precisare che, però, sul calcolo influisce anche la percentuale di inabilità.

Detto ciò, non è possibile cumulare la rendita Inail con la pensione di invalidità se la concessione è avvenuta in riferimento allo stesso evento invalidante. Tale divieto non si applica nel caso dei superstiti; per questi vale la piena cumulabilità tra rendita Inail e trattamenti pensionistici Inps.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: