pubblicato: mercoledì, 12 Dic, 2018

articolo scritto da:

Contributi Inps 2018 mancanti: come recuperarli nell’estratto conto

Contributi Inps mancanti: come recuperarli

Contributi Inps 2018 mancanti: come recuperarli nell’estratto conto

Contributi Inps ed estratto conto, si possono recuperare


Qualora ci si accorga della mancanza di contributi Inps nel proprio estratto contributivo, è possibile recuperarli? La risposta è affermativa e in seguito vi spiegheremo come fare. I contributi Inps mancanti potrebbero infatti determinare un prolungamento dei tempi per l’accesso alla pensione, oppure un assegno più basso. La mancanza potrebbe essere causata da un errore tecnico, oppure dal mancato versamento del proprio datore di lavoro. Per attuare la procedura, abbiate sotto mano le credenziali per accedere alla vostra area riservata sul portale Inps perché per la consultazione dell’estratto conto e per la eventuale segnalazione contributiva sarà necessario agire sul sito stesso. Ecco dunque le informazioni utili sull’ argomento.

Contributi Inps: come verificarli nell’ estratto conto contributivo

Il primo passo da compiere è verificare la propria posizione contributiva. Tale percorso si può effettuare in via autonoma. Infatti sono sufficienti solo le proprie credenziali per entrare nel portale Inps. Pertanto bisognerà essere muniti di Pin dispositivo, oppure di Carta Nazionale dei Servizi, o ancora di Identità Digitale Spid. Una volta effettuato l’accesso sul sito dell’Inps, bisognerà selezionare la voce Prestazioni e Servizi. Nella pagina seguente vedremo comparire un lungo elenco di servizi. Potremmo quindi recarci alla lettera F e selezionare Fascicolo Previdenziale del Cittadino; oppure digitare tale dicitura direttamente sulla barra di ricerca.
A questo punto finiremo su una pagina con il nostro identificativo. Basterà guardare sul menu a sinistra e cercare l’opzione Posizione Assicurativa e in seguito su Estratto Conto. Eccoci dunque giunti sulla pagina di nostro interesse, dove potremmo verificare la nostra posizione assicurativa. Qui, oltre al nostro identificativo, troveremo una tabella contrassegnata da voci specifiche.

  • Periodo (Dal – Al);
  • Tipo di contribuzione (esempi: Lavoro Dipendente, Contribuzione figurativa Naspi, etc.);
  • Contributi di pensione (Al diritto – Al calcolo);
  • Retribuzione o Reddito;
  • Azienda;
  • Note.

Insomma, avremo sotto gli occhi tutte le informazioni che ci servono per verificare la presa in carico di tutti i contributi Inps, o la mancanza di alcuni periodi.

Proroga scadenza prescrizione: qual è il termine

Contributi Inps mancanti: segnalazione contributiva, cosa è e come funziona

Prendiamo in esame quest’ultimo caso, ovvero cosa succede nell’ eventualità in cui manchino dei contributi Inps dal proprio estratto conto? Bisognerà effettuare una segnalazione all’ Istituto, tramite l’apposita funzione Segnalazioni Contributive, che si trova tra le voci del menu dove prima avevamo selezionato Posizione Assicurativa.
Compariranno due sottocategorie: Gestione ed Esiti. Occorrerà pertanto selezionare la voce Gestione, scegliendo la propria situazione relativamente al periodo e al tipo di contribuzione mancante (ad esempio: il riscatto). Verrà poi presentato un formulario da compilare, in cui bisognerà inserire le informazioni sopra riportate. Tra le opzioni disponibili figura anche la possibilità di allegare documentazione che attesti l’effettivo versamento e quindi la relativa mancanza.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: