pubblicato: lunedì, 10 Dic, 2018

articolo scritto da:

Buoni fruttiferi Poste Italiane: interessi sul retro, obbligo rimborso integrale

Buoni fruttiferi Poste Italiane interessi sul retro

Buoni fruttiferi Poste Italiane: interessi sul retro, obbligo rimborso integrale

Obbligo rimborso buoni fruttiferi di poste italiane


Buoni fruttiferi Poste Italiane: interessi sul retro, obbligo rimborso integrale

Rimborso integrale buoni fruttiferi, quando poste ha l’ obbligo

Nuova sentenza favorevole al rimborso integrale degli interessi dei buoni fruttiferi di Poste Italiane. La società è stata condannata a rimborsare interamente gli interessi in base a quanto scritto sul retro dei buoni. La recente decisione è stata stabilita dal Collegio di Torino dell’Arbitro Bancario lo scorso 11 ottobre 2018.

Quest’ ultima di fatto obbliga Poste al rimborso integrale di quanto scritto sulla tabella posta sul retro dei buoni; contrariamente al parere di Poste Italiane, che invece voleva corrispondere rendimenti inferiori. Questo a causa di una modifica sui rendimenti per via di un famoso decreto del 1986.

Buoni fruttiferi Poste Italiane: rimborso integrale interessi, il caso

Il caso ha visto come protagonista una risparmiatrice che aveva sottoscritto due buoni nel 1987; quindi dopo la modifica introdotta nel 1986. E allora da cosa deriva la querelle? Poste si era limitata ad apporre un timbro sulla tabella che elencava i rendimenti dei buoni, posta sul retro degli stessi. La decisione del Collegio di Torino ha di fatto invalidato il timbro apposto all’epoca. La controversia, come riporta la Stampa, consiste nel fatto che tale timbro prevedeva gli interessi “dovuti esclusivamente per i primi 20 anni di validità del titolo”; nulla di preciso, invece, riguardo agli interessi da corrispondere negli ultimi 10 anni di titolarità.

Poste Italiane; Bfp, cambio rendimento va comunicato

Al momento di richiedere il rimborso, la risparmiatrice si è sentita rispondere una cifra inferiore a quanto le spettava realmente. Così si è rivolta al legale Fabio Scarmozzino (Movimento Consumatori), riuscendo infine a ottenere quanto richiesto relativamente gli ultimi 10 anni di titolarità; una cifra superiore di 6 mila euro rispetto a quanto avrebbe corrisposto Poste Italiane.

Insomma, un altro caso che funge da precedente e incentivo per tutti i soggetti che hanno sottoscritto i buoni fruttiferi negli anni Ottanta e che si trovano in situazioni simili a quella sopra descritta.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: