pubblicato martedì, 15 Gennaio 2019

articolo scritto da

Revisione auto e moto 2019: costo e novità controlli, cosa cambia

Revisione auto scaduta: nessun sequestro al controllo. Le sanzioni
Revisione auto e moto 2019: costo e novità controlli, cosa cambia

Revisione auto 2019, come cambiano i parametri di valutazione


Cambiano le regole sulla revisione in seguito all’ introduzione nel nostro ordinamento di quanto previsto dalla direttiva Ue 2014/45. Quindi, in arrivo maggiori tutele per i consumatori che scelgono di comprare un veicolo usato. Le novità orbitano, innanzitutto, sul nuovo certificato di revisione, che entrerà in vigore in via definitiva a partire dal prossimo 31 maggio.


Revisione auto e moto: il nuovo certificato di revisione

Il nuovo certificato di revisione è un documento che tutti i centri autorizzati, l’Aci e la Motorizzazione devono consegnare al proprietario del veicolo una volta terminata, appunto, la revisione. L’ obiettivo di tale certificato è quello di limitare le frodi nella compravendita dei veicoli sul suolo europeo. In pratica, dovrebbe evitare le truffe sui falsi chilometraggi, cioè, quelle che consistono nel diminuire i chilometri riportati dalla strumentazione di bordo per aumentare il prezzo di un veicolo. Con il nuovo certificato i chilometri dovranno essere annotati sul certificato di revisione; in seguito, risulteranno sul “ Documento Unico” consultabile da chiunque sul Portale dell’ Automobilista.

Nello specifico, il nuovo certificato di revisione conterrà, in primo luogo, il numero identificativo, la categoria e la targa del veicolo comprensiva della lettera che individua il paese Ue di immatricolazione. Poi, appunto, i dati relativi alla revisione; insomma, i risultati del controllo tecnico (che verranno sintetizzati in un “ voto”). Tra questi, come si diceva, la lettura del contachilometri assume una particolare importanza. È chiaro che troveranno spazio anche il nome di chi ha effettuato la revisione e l’ indicazione della scadenza entro cui effettuarne una nuova.

Una volta effettuati i controlli, i centri autorizzati per la revisione dovranno inoltrare i dati al Ministero dei Trasporti e, attraverso di esso, alla Motorizzazione. Ancora non è nota la scadenza per effettuare tale comunicazione anche se la disposizione intende renderla “ ragionevole”. Non sono ancora note neanche le sanzioni nel caso in cui il chilometraggio risulti truccato. Capitolo costi. Per la revisione si spenderanno 45 euro presso la motorizzazione, mentre si sale a poco meno di 67 euro se effettuata presso un centro autorizzato.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: