pubblicato: lunedì, 10 Dic, 2018

articolo scritto da:

Conto corrente: trasferimento o chiusura in rosso, cosa si deve pagare

Conto corrente trasferimento chiusura in rosso

Conto corrente: trasferimento o chiusura in rosso, cosa si deve pagare

Chiusura conto corrente in rosso e cosa pagare


Se il conto corrente finisce in rosso la banca può rifiutare di chiuderlo sotto richiesta del titolare? La questione può apparire controversa. E se fino a poco tempo fa l’orientamento generale degli istituti di credito verteva verso il no, adesso le cose sembrano un po’ cambiate. Dunque il conto corrente può essere chiuso anche se in rosso. E nell’ eventualità fosse presente un fido? C’è la possibilità di trasferire il conto da una banca all’ altra? O comunque si può chiudere ugualmente il conto? In questo caso la risposta sembra essere affermativa. Anche perché conto corrente e fido sono due operazioni distinte e pertanto una banca non potrebbe rifiutarsi di chiudere il conto solo perché è stato aperto il fido.

Conto corrente in rosso: si può chiudere?

Diverso tempo fa sulla questione intervenne il professore Gianni Stella dell’Università di Pavia. Come riportato da Contango Finance, le parole del docente ordinario di diritto privato vanno in direzione favorevole ai clienti delle banche. Avendo definito illegittima “la pretesa della banca che il cliente, per ottenere la chiusura del conto, debba prima rimborsare interamente il finanziamento”. Ovviamente, con un fido aperto, la banca ha tutto il diritto di esigere il pagamento del debito e la corresponsione degli interessi. E solitamente questo può avvenire secondo modalità e tempi concordati con il cliente stesso. Ma di fatto non potrebbe opporsi alla chiusura del conto corrente. Diverse sentenze hanno agito nei confronti di quelle banche che si erano rifiutate di chiudere conti correnti con saldi negativi.

C/C in rosso: conseguenze sul saldo. Ecco cosa succede

Conto in corrente con saldo negativo: la sentenza

A favore di questa pronuncia va fatto riferimento alla sentenza n. 372/16 del Giudice di Pace di Roccaspide (SA). Tale sentenza ha di fatto sancito il diritto del titolare del conto corrente di chiuderlo in qualsiasi momento, anche qualora il saldo risulti negativo. L’illegittimità della condotta bancaria consiste proprio nel tenere aperto un conto con saldo negativo fino a che la situazione debitoria non sia risolta. E nel frattempo caricarlo di costi, interessi e commissioni. Di fatto aggravando la situazione debitoria del cliente.

La chiusura del conto corrente deve essere fatta entro tempi ragionevoli e soprattutto senza costi e commissioni ulteriori. Nel caso sopraccitato, infatti, sono state eliminati tutti i costi supplementari aggiunti dopo la richiesta – inizialmente rifiutata – di chiusura del conto. Tuttavia si ribadisce che il correntista sarà comunque tenuto a ripagare l’eventuale debito alla banca, ad esempio in caso di fido aperto, concordando tempi e modi con l’istituto.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: