pubblicato: domenica, 9 Dic, 2018

articolo scritto da:

Congedo straordinario Inps, Legge 104: cosa cambia nel 2019

Legge 104, congedo

Congedo straordinario Inps, Legge 104: cosa cambia nel 2019

Legge 104 e congedo straordinario: novità 2019


Arrivano nuove disposizioni dall’ Inps per quanto riguarda il congedo straordinario previsto dalla Legge 104 e l’indennità di maternità. Infatti, con un’ apposita circolare, l’ ente previdenziale ha precisato i termini entro i quali le gestanti che devono assistere un coniuge o un figlio disabile possono fruire dei congedi straordinari.

Legge 104: le nuove direttive

La direttiva accoglie le indicazioni di una recente sentenza della Corte Costituzionale; quest’ ultima stabilisce che non devono rientrare nel computo dei 60 giorni precedenti all’ astensione obbligatoria dal lavoro i periodi di congedo per assistenza, ma solo ed esclusivamente questi ultimi; dunque, per essere ancora più chiari, sono esclusi tutti gli altri tipi di congedo che, invece, dovranno rientrare nel calcolo.

Inoltre, tali modifiche, viene sottolineato nella stessa circolare Inps, “ si applicano, a richiesta dell’interessato, anche agli eventi pregressi alla sentenza della Corte costituzionale. Fondamentale, però, che “ non siano trascorsi i termini di prescrizione”, cioè “ non sia intervenuta sentenza passata in giudicato”.

Legge 104: a chi spetta il congedo straordinario

In generale, tutti i lavoratori dipendenti hanno diritto al congedo straordinario per assistere un parente stretto con disabilità. Tuttavia, non hanno diritto al congedo straordinario previsto dalla Legge 104 i lavoratori domestici, a domicilio e agricoli (giornalieri). Esclusi dal novero dei lavoratori che hanno diritto ai congedi straordinari anche autonomi e parasubordinati così come quelli con contratto part-time verticale nelle pause contrattuali. Non si potrà richiedere il congedo straordinario se il parente disabile titolare di 104 sia ricoverato in ospedale a tempo pieno (previste delle eccezioni) ed è, inoltre, vietata la combinazione con permessi retribuiti.

Detto ciò, esiste un ordine di priorità per quanto riguarda il rapporto di parentela: in cima alla lista, il coniuge o l’ unito civilmente disabili, poi i genitori, i figli conviventi, i fratelli e, infine, i parenti fino al terzo grado (bisnonni, pronipoti, nipoti, zii, anche del coniuge). Fondamentale ricordare il requisito della convivenza – tranne che per i genitori – per cui vale l’ indirizzo di residenza (nel senso di dimora stabile).

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: