pubblicato: mercoledì, 12 Dic, 2018

articolo scritto da:

Fattura elettronica 2019: obbligo B2B e B2C differenza e come si fa

Fattura elettronica 2019 obbligo B2B e B2C

Fattura elettronica 2019: obbligo B2B e B2C differenza e come si fa

Obbligo e differenza tipologie Fattura elettronica


Il 1° gennaio 2019 scatterà l’obbligo della fattura elettronica per aziende e privati che operano in contesti B2B (Business To Business) e B2C (Business To Consumer). Come si può intuire, il primo campo si riferisce alle relazioni tra professionisti e imprese con partita Iva. Il secondo, invece, riguarda le relazioni commerciali con i consumatori, pertanto con soggetti non dotati di Partita Iva, bensì di codice fiscale, dato che è da inserire in fattura.

Fattura elettronica B2B e B2C: come si fa

Infatti la fattura elettronica B2B e B2C è pressoché similare, fatta eccezione per i dati da inserire nel file XML da inviare poi al Sistema Di Interscambio. Le istruzioni di compilazione e le norme a riguardo sono consultabili sul provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 89757/2018.

Per le informazioni di carattere generale va ricordato che sulla fattura elettronica andranno inseriti il numero di partita Iva e il Codice Univoco, vale a dire un codice identificativo alfanumerico composto da 7 caratteri, diverso per ogni partita Iva, che servirà a identificare il soggetto ricevente la fattura digitale. Per quanto riguarda la fattura elettronica B2C, a differenza di quella B2B, bisognerà indicare solo il codice fiscale. Questo perché il destinatario di questa ricevuta è un soggetto privo di partita Iva e identificabile per l’appunto tramite codice fiscale.

Pec e Codice Univoco: quando scatta l’obbligo

Come riporta InfoCert, ci saranno differenze tra il processo B2B e B2C rispetto a quello PA. Infatti chi riceve la fattura elettronica non avrà più la possibilità di accettare o rifiutare il documento. “Pertanto, scompaiono le ricevute di Accettazione, Rifiuto e Decorsi Termini e i rispettivi flussi di notifica”. Altra novità da considerare è che nel caso in cui il Sistema di Interscambio non riesca a inoltrare la fattura al destinatario, sarà certificata l’avvenuta trasmissione della fattura e parimenti sarà attestata anche l’impossibilità di recapito della stessa.

Fattura elettronica: i tempi di invio

Problemi potrebbero verificarsi all’inizio del nuovo regime, vista la poca abitudine. Va infatti detto che l’invio della fattura elettronica va fatto in tempi piuttosto ristretti, rispondendo così alle norme generali riguardanti l’emissione della fattura. In questo contesto è entrato nel merito il DL fiscale n. 119/2018, ammorbidendo i requisiti relativi alle tempistiche e alle eventuali sanzioni. Infatti, dal 1° gennaio al 30 giugno 2019 l’invio tardivo della fattura non determinerà sanzioni di alcuna sorta, o al massimo comporterà sanzioni ridotte. Dal 1° luglio 2019, invece, l’emissione potrà differire massimo 10 giorni dall’effettuazione, ma entrambe le date sono comunque da comunicare.

Esonero fatturazione digitale: privati e aziende, cosa cambia

Dal 1° gennaio al 30 giugno 2019 non saranno dunque applicate sanzioni per l’omessa fatturazione, ma a condizione che l’emissione avvenga entro la scadenza per la liquidazione dell’imposta del periodo in cui è stata effettuata l’operazione.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: