pubblicato: giovedì, 13 Dic, 2018

articolo scritto da:

Conto corrente e investimenti 2018, si perdono con la chiusura?

Conto corrente e investimenti 2018

Conto corrente e investimenti 2018, si perdono con la chiusura?

Chiusura conto corrente, cosa accade agli investimenti


Se si chiude il conto corrente che fine fanno gli investimenti? Questi ultimi si perdono al momento della chiusura? Ed è per forza necessario che il deposito titoli sia collegato a un conto corrente? È una domanda legittima, le cui risposte si trovano nelle norme redatte nel corso degli anni, dove comunque si fa esplicito riferimento alla sussistenza di un conto corrente, tramite il quale la banca possa effettuare le operazioni. In generale la risposta potrebbe essere la seguente: il deposito titoli deve essere collegato a un conto corrente. Andiamo a vedere perché.

Conto corrente e investimenti: deposito titoli, cos’è?

Prima di andare a chiarire l’aspetto sopra riportato, andiamo a vedere cosa è un deposito titoli. Si tratta di uno strumento che viene offerto dalle banche e serve per la gestione degli investimenti. Il deposito titoli si attiva dunque al momento del primo investimento su prodotti e strumenti finanziari. In breve, il deposito titoli è un conto d’appoggio che però va distinto dal conto corrente. Se quest’ultimo serve per effettuare le più comuni operazioni bancarie, il secondo è esclusivamente riservato agli investimenti che il cliente vuole fare, dando mandato alla banca di procedere alla gestione.

Accredito su C/C dopo chiusura: come recuperare i soldi

Conto corrente in chiusura: che fine fanno gli investimenti?

Come ha ben spiegato Aldo Bissi su Repubblica, per rispondere alla domanda che apre questo articolo bisogna fare riferimento ad alcune normative a riguardo. A cominciare dal Codice Civile (articolo 1838). Qui è scritto testualmente quanto segue. “La banca che assume il deposito di titoli in amministrazione deve custodire i titoli, esigerne gli interessi o i dividenti, verificare i sorteggi per l’attribuzione di premi o per il rimborso di capitale, curare le riscossioni per conto del depositante, e in generale provvedere alla tutela dei diritti inerenti ai titoli. Le somme riscosse devono essere accreditate al depositante”.

In seguito è specificato che “alla banca spetta un compenso nella misura stabilita dalla convenzione o dagli usi, nonché il rimborso delle spese necessarie da essa fatte”. Nel suddetto articolo non si fa mai riferimento esplicito al conto corrente, ma implicitamente potrebbe comparire nelle modalità di accredito delle somme riscosse. Insomma, un conto corrente serve per effettuare le normali operazioni bancarie, relativamente ad accrediti e addebiti.

Allo stesso tempo si fa esplicito riferimento al conto corrente nella guida della Banca d’Italia. “Il deposito titoli è abbinato a un conto corrente sul quale si addebitano le imposte di bollo e le commissioni e si accreditano i guadagni ricavati dai titoli come dividendi azionari e cedole”. Pertanto qui appare più chiaro come effettivamente il deposito titoli debba essere abbinato al conto per le operazioni da effettuare. Resta poi, da un punto di vista prettamente terminologico, la definizione di “conto d’appoggio”, che può essere l’uno o l’altro, e che comunque sottolinea la necessità dell’altro conto (non di deposito) per la movimentazione.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: