articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Matteo Renzi: figli, moglie e padre, la carriera politica

biografia di matteo renzi, pensioni notizie oggi, primarie PD sondaggi elettorali Renzi si dimette da segretario
Matteo Renzi: figli, moglie e padre, la carriera politica

Chi è Matteo Renzi, famiglia e vita privata


È stato il più giovane Premier della storia repubblicana italiana e con lui sembrava che la politica italiana fosse stata finalmente ossigenata da una ventata di novità. Il destino del suo partito ha però preso una piega differente e così si è conclusa la carriera del cosiddetto “ rottamatore”, alias Matteo Renzi di cui oggi esploriamo la storia, scandagliandone il curriculum politico e privato, per quel che è possibile (Matteo è sempre stato dell’ avviso di mantenere le distanze dal pubblico, quando si tirava in ballo la sua sfera privata).

Matteo Renzi: la carriera. Dagli esordi alla Segreteria del Partito Democratico

Nato a Firenze l’11 gennaio del 1975, Matteo è il secondogenito dei quattro figli di Laura e Tiziano Renzi, lui consigliere comunale dal 1985 al ’90 per la DC del comune di Rignano sull’ Arno e lei messa sotto i riflettori in occasione delle polemiche su Banca Etruria e Consip. Matteo studia al liceo Ginnasio fiorentino “ Dante” e nella stessa città si laurea in Giurisprudenza nel 1999. È anche l’ anno del suo matrimonio con Agnese Landini, insegnante di lettere che si è sempre tenuta a debita distanza dai riflettori.

Nel 2008, dopo esser stato Presidente della Provincia di Firenze, Matteo annuncia la propria candidatura alle primarie del PD per concorrere alla carica di Sindaco. Vince con il 40% delle preferenze. Il 13 settembre 2012 annuncia la candidatura alle primarie del PD ma, nonostante la promettente campagna elettorale, perde contro Pierluigi Bersani. Nel 2013 ci riprova e l’8 dicembre conquista l’80% delle preferenze. Dopo questa vittoria arriva alla segreteria del partito del Nazareno.

Bando Inps legge 104, malattia e handicap: rimborso spese 2018

Matteo Renzi: le riforme e la Presidenza del Consiglio

Dopo le dimissioni rassegnate dall’ ex Premier Enrico Letta il 22 febbraio 2014, Giorgio Napolitano pone Matteo Renzi a capo dell’ esecutivo. Tra le riforme avanzate nel corso della presidenza renziana ricorderemo il Jobs Act, la riforma Buona Scuola,gli 80 euro in busta paga, la legge sul divorzio breve, il Bonus Cultura di 500 euro. Il tema degli incidenti stradali è stato da sempre molto a cuore di Renzi, tant’è che è stato firmatario per un provvedimento legislativo che inasprisse le pene per i colpevoli.

È anche tra gli autori della proposizione del reato di omicidio stradale. Il 4 dicembre 2016 annuncia le proprie dimissioni dalla carica di Presidente del Consiglio, dopo la vittoria dei sostenitori del “ No” al referendum costituzionale; dopo le elezioni del 2018 abbandonerà anche la Segreteria Generale del PD e verrà sostituito dal nuovo segretario Maurizio Martina. Attualmente Matteo è senatore al Senato della Repubblica. Ha 3 figli, Francesco, Emanuele ed Ester.

CONTINUA A SEGUIRE TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK  E  TWITTER E ISCRIVITI AL  FORUM PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO.

ultima modifica: sabato, 16 Febbraio 2019