articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Fattura elettronica 2019: bolletta luce o gas, cosa cambia dal 2019

Fattura elettronica 2019 bollette luce e gas
Fattura elettronica 2019: bolletta luce o gas, cosa cambia dal 2019

Fattura elettronica per bolletta luce o gas, come cambia


La novità della fattura elettronica obbligatoria, che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2019, investirà anche le bollette della luce e del gas. Infatti, per le aziende che gestiscono servizi legati alle utenze non ci saranno adempimenti diversi rispetto a quello a cui dovranno adeguarsi le altre imprese. I clienti con partita Iva, peraltro, avranno la possibilità di ricevere la fattura elettronica. Mentre per gli utenti senza partita Iva non dovrebbe cambiare nulla rispetto a oggi.

Essendo la fattura elettronica valida sia per gli operatori in ambito B2B (Business to Business) sia in quello B2C (Business to Consumer), i gestori delle utenze domestiche (acqua, luce e gas) invieranno a partire dal prossimo anno la fattura elettronica ai titolari di partita Iva. A chi è sprovvisto di partita Iva, la fattura potrà essere comunque inviata in formato elettronico via PEC (Posta Elettronica Certificata). In assenza di quest’ultima, l’invio resterà comunque in modalità cartacea.

Obblighi B2B e B2C: differenze e come si fa

Fattura elettronica e bollette luce e gas: novità 2019

Quanto scritto sopra è stato poi ufficializzato da un nota informativa di alcune compagnie pubblicata sull’ultima bolletta legata proprio alla novità della fatturazione elettronica 2019. “Dal 1° gennaio 2019”, si legge in una di queste, “riceverai le fatture in formato elettronico; l’obbligo di fattura elettronica, introdotto dalla Legge di Bilancio 2018, vale per le cessioni di beni o le prestazioni di servizio effettuate tra due soggetti Iva e un soggetto Iva e un consumatore finale”.

La comunicazione informa che dal nuovo anno si inizierà a ricevere la fattura in formato elettronico tramite il cosiddetto Sistema di Interscambio (SDI) dell’Agenzia delle Entrate, in base alla normativa di riferimento stabilita dalla stessa Agenzia con il Provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018. “Continuerai comunque a ricevere, secondo le consuete modalità, il documento contenente i dati di consumo, la riproduzione dei dati fiscali contenuti nella fattura elettronica e le ulteriori informazioni previste dalla regolazione vigente”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: giovedì, 21 Febbraio 2019