pubblicato giovedì, 17 Gennaio 2019

articolo scritto da

Pensione anticipata o vecchiaia con deroga Dini, a chi non conviene

Pensione anticipata o vecchiaia con deroga Dini, a chi non conviene
Pensione anticipata o vecchiaia con deroga Dini, a chi non conviene

Deroga Amato per pensione anticipata 2019, in cosa consiste


Andare in pensione con meno anni di contributi rispetto al minimo richiesto per usufruire della pensione di vecchiaia? È possibile. Infatti, delle eccezioni sono previste grazie alla deroga Amato e alla deroga Dini. D’altra parte, non tutti hanno i requisiti necessari per sfruttarle e le condizioni non sono sempre convenienti.


Pensione anticipata: prima, seconda e terza Deroga Amato

Con la prima si può andare in pensione con solo 15 anni di contribuzione (780 settimane). Ora, per il calcolo, sono validi tutti i tipi di contributi (da riscatto, volontari, figurativi) a patto che siano accreditati prima del 31 dicembre 1992. Necessario, però, essere iscritti al Fondo lavoratori dipendenti o alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi dell’Inps (Inpdap, Enpals, Inpost).

La seconda deroga Amato si differenzia dalla prima perché si rivolge in particolare ai lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria dell’Inps e agli iscritti ex Enpals.

Per accedere alla pensione con la terza deroga Amato, invece, bisogna avere almeno 25 anni di anzianità contributiva e almeno 15 anni di contribuzione effettiva (quindi, senza contare i contributi da riscatto, volontari e figurativi) versati nell’Assicurazione generale obbligatoria o ad un fondo sostitutivo o esonerativo. Di questi almeno 10 anni devono essere stati lavorati per periodi inferiori alle 52 settimane.

Pensione anticipata: la deroga Dini

Con la deroga Dini si può accedere alla pensione con meno di 18 anni di contributi. Tuttavia, bisogna avere almeno un contributo accreditato prima del 31 dicembre 1995 e averne almeno 5 accreditati dopo il 1996. Fondamentale poi aver raggiunto l’età anagrafica necessaria ad andare in pensione di vecchiaia. Detto ciò, tale opzione prevede una penalizzazione – che può arrivare anche al 30% – sull’assegno visto che il calcolo avviene per intero con l’opzione contributiva. Insomma, per concludere, chi ha più di 20 anni di contributi o sta raggiungendo tale soglia sfruttare queste opzioni non è conveniente.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: