pubblicato domenica, 20 Gennaio 2019

articolo scritto da

Reddito di cittadinanza 2019: domanda online, sito ufficiale a gennaio

Reddito di cittadinanza 2019: domanda online, sito ufficiale a gennaio
Reddito di cittadinanza 2019: domanda online, sito ufficiale a gennaio

Sito ufficiale reddito di cittadinanza a breve online


Prosegue la trattativa tra Governo e Commissione Europea sulla Legge di Bilancio; d’altra parte, ad assicurarlo Luigi Di Maio, non cambieranno le tempistiche di Quota 100 e Reddito di Cittadinanza. Dunque, ha di recente precisato il vicepremier, l’esordio dei due cavalli di battaglia elettorali di Lega e 5 Stelle sarà compreso tra febbraio (Quota 100) e marzo (Reddito di cittadinanza).


Reddito di cittadinanza: la domanda “fake”

Nei giorni scorsi è apparso sul web il sito redditodicittadinanza2018.it; attraverso questo sarebbe possibile prenotare il reddito di cittadinanza, appunto. il portale, però, è chiaramente un fake nonostante il fine lavoro di “camuffamento”; d’altronde, sul sito campeggia la sigla dell’IMPS, cioè Istituto mondiale provvidenza solare, e il Ministero di riferimento è quello dello “Sviluppo Ergonomico”.

Tra l’altro, non si è nascosta l’azienda napoletana che l’ha creato, l’Ars Digitalia: è una “goliardata” senza fini di lucro ma, al massimo, con scopi pubblicitari e di sensibilizzazione sui pericoli relativi alla diffusione di dati sensibili. Insomma, non c’è nessuna relazione con la misura di sostegno al reddito anche se comunque in molti potrebbero averci creduto; infatti, il sito è stato raggiunto da oltre 700mila utenti; tuttavia, non è possibile sapere in quanti effettivamente abbiano compilato – coscientemente – il form di richiesta.

Reddito di cittadinanza: quando sarà online il “vero” sito?

Al di là delle “bufale” più o meno dichiarate, più o meno simpatiche, restano le parole di Di Maio. Per cui è possibile cominciare a chiedersi: quando sarà online il “vero” sito per richiedere il Reddito di Cittadinanza? Ora, stando a quanto ipotizza la stampa specializzata, il sito attraverso cui fare domanda dovrebbe comparire intorno a fine gennaio. Sulla piattaforma verranno integrati i dati contenuti nei database di diversi enti, dall’Inps all’Agenzia delle Entrate, quindi, il comune interessato e il centro per l’impiego collegato. Proprio quest’ultimo poi contatterà chi farà la richiesta per dare il via al percorso formativo e di ricerca occupazionale.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: