02/05/2019

Fattura elettronica non pagata o consegnata: cosa fare per avere i soldi

autore: Giuseppe Spadaro
Fattura elettronica non pagata o consegnata cosa fare per avere i soldi
Fattura elettronica non pagata o consegnata: cosa fare per avere i soldi

Recupero fattura elettronica non pagata


L’obbligo della fattura elettronica attivo dal 1° gennaio 2019 alimenta dubbi rispetto a situazioni anomale che talvolta possono verificarsi. Per esempio in questo articolo abbiamo provato a spiegare cosa fare e quando registrare una fattura elettronica pagata nel 2019 ed emessa nel 2018. Di seguito vediamo invece un altro caso pratico: cosa fare per avere i soldi in caso di fattura elettronica non pagata o non consegnata.

Fattura elettronica, il caso di mancata consegna

Partiamo proprio dall’ultima possibilità. Ovvero cosa fare quando la fattura non è stata consegnata. Come riportato dal sito fatturapertutti.it è il sistema di Interscambio (di seguito SdI) che segnala la “mancata consegna” al committente. Cosicché a chi è emesso la fattura viene inviata una “notifica di mancata consegna” proprio quando il Sistema di Interscambio non è riuscito a consegnare il file alla Pubblica Amministrazione o all’impresa destinataria.

Fattura elettronica, il caso di mancata consegna a soggetto privato

Quando la fattura non è stata consegnata al privato il soggetto che ha emesso la fattura deve comunicare (in qualsiasi modalità) al destinatario/cliente che deve recuperare l’originale della sua fattura accedendo all’interno della sua area riservata dell’Agenzia delle Entrate/Fatture e Corrispettivi.

Tra le cause della mancata consegna possono esserci: errori nell’inserimento del codice destinatario.

Inoltre si fa presente che nel caso di cui parliamo, ovvero di mancata consegna, è possibile dare seguito alla deduzione del costo Iva della singola fattura solo se il destinatario ha preso visione della stessa nell’area riservata dell’Agenzia delle Entrate/Fatture e Corrispettivi.

Fattura elettronica, il caso di mancata consegna a PA

Rispetto alla emissione ed alla mancata consegna di una fattura elettronica ad una Pubblica Amministrazione la procedura è diversa. Infatti in questi casi il SdI segnala la problematica alla PA di riferimento. E nel giro di 10 giorni viene effettuato un nuovo invio. Nel caso neanche il secondo invio va a buon fine chi ha emesso la fattura riceve al cosiddetta attestazione di avvenuta trasmissione della fattura con impossibilità di recapito. Con la quale è possibile inviare la fattura direttamente alla PA senza nuovamente passare allo SdI. E questo nel caso in cui si conoscano ad esempio indirizzi PEC o mail della stessa Pubblica Amministrazione.

Fattura elettronica, cosa fare per avere i soldi

Per quanto riguarda l’ultimo passaggio e cioè cosa fare per avere i soldi della fattura emessa è il caso di specificare che l’introduzione dell’obbligo allargato dalla fatturazione elettronica non ha portato nessuna novità. I passaggi sono quelli noti. Si parte dalla diffida per mancato pagamento indispensabili per la interruzione dei termini di prescrizione del pagamento della fattura. Per passare al ricorso per decreto ingiuntivo e l’esecuzione forzata contro il debitore.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →