•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 4 novembre, 2012

articolo scritto da:

Dal Blog: Cambio di pannolino

Una bellissima riflessione di Pippo Civati:

Non parlo volentieri della mia vita privata, ma tanto la mia vita non è più molto privata, e quindi vi dirò una cosa che molti sanno già, ma che personalmente non avevo mai provato.
Cambiare un pannolino è il cambiamento più notevole di cui si possa parlare, perché in realtà, mentre lo cambi, cambia qualcosa dentro di te. E quel cambiamento fa pensare all’uso (e all’abuso) stesso della parola, a cui si rifanno un po’ tutti, in continuazione. Pochi se la possono permettere, e la traduzione di «change», nel nostro Paese, sembra essere ancora più faticosa che altrove.
E però il cambiamento di cui sto parlando fa riflettere: circa la questione generazionale, le rottamazioni e i gattopardismi, il dato anagrafico e quello politico e culturale.
L’altro giorno ho incontrato una parlamentare del Pd che mi ha detto: non sapevo fossi diventato papà, non ti ci vedo, sei così giovane. Nel Pd, evidentemente, non bastano trentasette anni nemmeno per diventare papà.
E però trentasette anni sono tanti, non si è più giovani da un pezzo, e la questione allora non è tanto quella di mandare a casa quelli di prima, ma capire chi come scegliere e come selezionare quelli di dopo. I prossimi, se preferite. E rendersi conto che i destinatari del cambiamento, già, sono quelli che verrano ancora dopo.
Per fare questo, gli slogan servono, ma non sono sufficienti. Serve una nuova politica, un progetto plurale e collettivo, che rimetta al centro le cose e i cittadini, nello stesso istante, perché sono le cose a riguardare la vita dei cittadini, e viceversa. I politici sono solo un apostrofo – nemmeno tanto roseo – tra questi due elementi, che devono tornare ad essere centrali in ogni discorso pubblico.
E serve che prima o poi ci si incontri, tra le generazioni, perché è appunto generazione, la parola, da intendersi in tutta la sua complessità. Che ci si incontri e ci si confronti e ci si scontri, anche. Un po’ come fecero Enea ed Anchise, mentre Troia era in fiamme. Per concludere che il pericolo lo avrebbero superato insieme («unum et commune periclum, una salus ambobus erit»), e soltanto se ognuno avesse trovato il suo posto e il suo ruolo. Con Creusa (e la sua ombra, perché la questione femminile c’era già allora) e il piccolo Iulo che li seguiva a un passo.
Ne parlava Virgilio, duemila anni fa, in un passo che tutti dovrebbero rileggersi, ogni tanto, prima di parlare di generazioni. Senza rendersi conto che sta cambiando anche quella a cui loro appartengono. E che quella che ci interessa, è quella che ci seguirà. A un passo.

[wp_connect_like_button href=”” send_button=”disabled” layout=”standard” width=”600″ show_faces=”enabled” verb=”like” colorscheme=”light” font=”arial” ref=”” /]

[wp_connect_comments href=”” width=”600″ num_posts=”6″ colorscheme=”light” /]

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da:

Lascia un commento