•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 11 settembre, 2012

articolo scritto da:

Dal Blog: Comfort Full Flex, specchio dell’Italia

Ha ragione Gilioli:

Non ce l’ho con Alitalia e nemmeno con quelli che scelgono il biglietto Comfort Full Flex. La prima fa le tariffe che crede, i secondi spendano i loro soldi come vogliono, se li hanno guadagnati onestamente.
Però è abbastanza metaforica del Paese attuale, l’offerta per benestanti e businessman pubblicizzata dall’ex compagnia di bandiera: con 289 euro puoi viaggiare da Roma a Milano, sola andata, senza nessuno nel sedile accanto.
E’ interessante, come fenomeno. Interessante perché ben rivelativo della nuova forbice sociale. Paghi un botto – sei volte più del treno veloce, il doppio degli altri passeggeri – per non avere un vicino in aereo. Per un vuoto. Per una seggiola dove abbandonare soavemente i giornali, il cellulare e il tablet nell’ora scarsa di volo tra Fiumicino e Linate.
Più o meno la stessa cifra – in un andata e ritorno – è il reddito mensile netto delle donne delle cooperative di pulizia che si alzano alle cinque del mattino per lavare le moquette nelle aziende.
Non ce l’ ho con Alitalia e nemmeno con chi si compra il biglietto Comfort Full Flex.
Ce l’ho con noi stessi che abbiamo costruito questa Italia qui.

[wp_connect_like_button href=”” send_button=”disabled” layout=”standard” width=”600″ show_faces=”enabled” verb=”like” colorscheme=”light” font=”arial” ref=”” /]

[wp_connect_comments href=”” width=”600″ num_posts=”6″ colorscheme=”light” /]

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da:

Lascia un commento