•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 11 marzo, 2013

articolo scritto da:

Dal Blog: Il referendum sul finanziamento ai partiti

Popolino sfata un mito:

Con grandissima umiltà e spargendomi preventivamente il capo di cenere, vorrei far presente a tutti quelli che, per alte ragioni morali, banale senso comune o per calcolo, dal M5S, dal Pd, dal bar sotto casa o dalle colonne dei grandi giornali, in questi giorni fanno continuo riferimento al referendum del 1993 con cui gli italiani in grande maggioranza abolirono il finanziamento pubblico ai partiti, quanto segue:
– Che detto referendum aboliva, appunto,solo e soltanto il finanziamento, e non il rimborso elettorale, e per la precisione che il quesito diceva:

Volete voi che siano abrogati gli artt. 3 e 9 della legge 2 maggio 1974, n. 195: “Contributo dello Stato al finanziamento dei partiti politici”, così come modificati e integrati: dalla legge 16 gennaio 1978, n. 11: “Modifiche alla legge 2 maggio 1974, n. 195″; dall’art. 3, comma 1 (Per l’anno 1980 la somma da erogare a titolo di contributo di cui al primo comma dell’art. 3 della legge 2 maggio 1974, n. 195, è fissata in lire 72.630 milioni. Con effetto dal 1º gennaio 1981 la stessa somma è fissata in lire 82.886 milioni annui) e dal comma 6 (La percentuale di cui al primo ed al secondo periodo dell’ultimo comma dell’art. 3 della legge 2 maggio 1974, n. 195, è ridotta al 90 per cento) della legge 18 novembre 1981, n. 659: “Modifiche ed integrazioni alla legge 2 maggio 1974, n. 195 sul contributo dello Stato al finanziamento dei partiti politici”?

– Che il rimborso elettorale non è mai stato abolito, non era contemplato nel referendum, e che è quindi rimasto in vigore così come riportato nella legge 195 del 1974, tra gli altri, negli articoli 1 e 2 e successive modifiche:
(Art. 1) A titolo di concorso nelle spese elettorali sostenute per il rinnovo delle due Camere, i partiti politici di cui al presente articolo hanno diritto a contributi finanziari nella misura complessiva di lire 15 mila milioni (…).
(Art. 2) I contributi per il rimborso delle spese elettorali sono versati ai partiti politici, su domanda dei rispettivi segretari politici indirizzata al Presidente della Camera (…).
– Che è quindi di per sé evidente nonché innegabile un certo (ri)sentimento nel Paese, a proposito della materia in esame, ma che sarebbe meglio smetterla di citare il referendum ad mentulam canis.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da:

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.