•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 21 gennaio, 2014

articolo scritto da:

La riforma truffa

Renzi e lo spread tra i tempi della giustizia in Germania e in Italia

La riforma truffa

L’accordo tra Renzi e Berlusconi sulle riforme istituzionali ha entusiasmato molti osservatori, lasciando i critici in netta minoranza –i soliti radical chic con la puzza sotto il naso e i grillini sempre seduti sul piedistallo dell’inutuile diversità. Persino Repubblica ha definito l’evento “Una svolta di sistema” e, non vedendo i pesanti limiti di questa “svolta”, muove solo poche critiche alle microliste bloccate -trascurando, però, che le “preferenze” hanno creato un sistema clientelare ormai endemico e che in tutta Europa, dalla Germania alla Spagna alla per la Grecia, le liste elettorali sono bloccate.

Legge elettorale. L’Italicum, “appunto, all’italiana mette tutti gli ingredienti nello stesso piatto”: non ne esce però una portata deliziosa. L’enfasi sulla stabilità garantita dal  nuovo sistema è retorica per allocchi. Mantenendo i privilegi per le liste coalizzate, come già col Mattarellum e col Porcellum, i partiti, per arrivare al ballottaggio ed aspirare al premio di maggioranza, finiranno per costruire delle ammucchiate elettorali capaci di vincere ma non di governare: il premio di maggioranza, concetto tutto nostrano, è il primo vulnus alla stabilità. La legge elettorale non va pensata per danneggiare una forza politica (come denunciava Alfano, ben consapevole di aver votato, con Berlusconi, Casini e Fini, il Porcellum che fermò Prodi) ma non può essere a salvaguardia dello status quo. Con l’Italicum, purtroppo, non cambierà nulla: troveremo, ancora, lenzuola come schede elettorali e ammucchiate che si giocheranno quell’abnorme “premio” su cui, magari, presto o tardi, arriverà una nuova condanna della Corte Costituzionale.

Bicameralismo. Il bicameralismo perfetto è stato unanimente condannato e, dunque, il suo superamento sarebbe stato abbastanza semplice: abolizione del Senato, monocameralismo. Invece si insegue ancora, dopo un dibattito ultradecennale, la fantasia pseudo-federalista per cui all’Italia servirebbe un “Senato delle Autonomie” spudoratamente venduto come il Bundesrat tedesco. L’Italia non è uno Stato federale e, peraltro, l’annunciata riforma del Titolo V va nella direzione opposta, restituendo allo Stato alcune competenze ora delegate alle Regioni: non c’è, dunque, bisogno di una camera per i rappresentanti degli enti locali. Già esistono i luoghi del confronto (la “Conferenza Stato-Regioni”, la “Conferenza Stato-città ed autonomie locali”, la “Conferenza Unificata”) e su di questi bisognerebbe concentrarsi per ottimizzare l’iter legislativo e garantire il risparmio di risorse pubbliche. Il “Bundesrat all’italiana”, invece, già sembra un’inutile struttura creata per riempire le giornate e i portafogli di qualche politicante “in carriera”.

Il segretario del PD è stato tanto bravo a sferzare la minoranza del suo partito quanto incapace di portare a casa un risultato che possa far cambiare verso al Paese. Il rottamatore Renzi, onestamente, poteva osare di più.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da:

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.