[TheChamp-Sharing]

pubblicato: giovedì, 11 Lug, 2013

articolo scritto da:

Luci e ombre delle proposte di Maria Chiara Carrozza sull’università

In questi giorni il governo di Enrico Letta sembra bloccato dai difficili equilibri politici della sua maggioranza, tanto che la sua stessa sopravvivenza, allo stato attuale delle cose, sembra garantita proprio dalla stagnazione delle proposte strategiche e dall’impossibilità di uscire dall’impasse con soluzioni alternative. Ci sono però alcuni ministri che cercano di portare avanti una linea d’azione concreta, quantomeno per mettere insieme nel loro settore di competenza una proposta progettuale da realizzare per affrontare problemi non più rinviabili.

Uno di questi casi è quello del ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, Maria Chiara Carrozza. Direttrice fino alla sua elezione in Parlamento della seconda scuola d’eccellenza pisana, la Scuola superiore “Sant’Anna”, e forte quindi di un’esperienza professionale “sul campo” nella direzione di uno degli istituti italiani più rappresentativi a livello internazionale, la docente aveva deciso di impegnarsi in politica fin dall’inizio per occuparsi di formazione e di ricerca, e pur dopo diverse peripezie solo in parte prevedibili fino alle elezioni di febbraio, ha finito per trovarsi nel posto a cui sostanzialmente aspirava. Certamente, gli equilibri politici di maggioranza in cui opera sono profondamente diversi da quelli auspicati; tuttavia, la aiuta il fatto che il Partito democratico sia stato sostanzialmente l’unica forza politica, tra quelle che attualmente sostengono l’Esecutivo, a impegnarsi seriamente in una riflessione sul futuro della scuola e soprattutto dell’università italiana.

[ad]Il PDL si muove infatti ormai su proposte spiccatamente settoriali che ricompattino il proprio consenso al momento opportuno, e ha dimostrato ormai senza nemmeno tentativi di fingere che la sua priorità è la sicurezza del proprio leader sul piano giudiziario. La coalizione centrista raccolta attorno a Scelta Civica non ha oggi un potere contrattuale sufficiente a intervenire sulla determinazione delle politiche pubbliche di settore, ma comunque i suoi esponenti di spicco hanno chiarito che il loro atteggiamento verso l’istruzione superiore è semplicemente quello improntato a una riduzione delle risorse e degli effettivi, dettata dalla volontà di adeguarsi a un sistema economico che non sfonda in settori ad elevato valore aggiunto in termini di competenze e capitale umano, più che dal tentativo di invertire questa tendenza.

Così nella sua più recente uscita pubblica, l’incontro del 27 giugno con i sindacati di scuola e università, il ministro ha potuto sostanzialmente ribadire la linea d’azione che aveva già espresso partecipando con un ruolo di primo piano alla redazione della proposta programmatica democratica sull’università e la ricerca, apparsa sul sito ufficiale del partito lo scorso 14 febbraio. Da queste prese di posizione si può dunque partire per un’analisi degli obiettivi che il MIUR si propone per i prossimi mesi nel campo degli studi superiori e dell’attività di produzione e diffusione della conoscenza scientifica e dell’alta cultura.

In sostanza le proposte principali per invertire la tendenza discendente della nostra vita universitaria sono:

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.