•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 30 ottobre, 2011

articolo scritto da:

Meritocrazia

Meritocrazia è una di quelle parole che a seconda del senso che assumono esprimono concetti giusti o errati. C’è chi come la Gelmini la brandisce come scusa per non stanziare soldi a sostegno dei deboli. Chi la usa per chiedere il rispetto dei propri meriti. Due punti di vista diversi sono quelli di Baricco (cliccare qui per vedere il video) e di lo Scorfano che lo contesta:

La parola «meritocrazia», per esempio, è divenuta un tale feticcio, buono per ogni uso, che è ormai necessario non credere più a nessuno di quelli che la pronunciano, per definizione pregiudiziale. Anche perché, parliamoci chiaro, chi pronuncia e chi ascolta la parola «meritocrazia» lo fa perché, sotto sotto (ma forse nemmeno così sotto), pensa di avere straordinari meriti che non gli vengono riconosciuti; mentre i tali meriti vengono, secondo lui ingiustamente, riconosciuti ad altri. E pensa che non gli vengano riconosciuti perché appunto manca la meritocrazia, il potere dei meriti. Con la quale, invece (se ci fosse), lui comanderebbe e sarebbe ricco e famoso e forse dei meriti altrui tenderebbe a serenamente fregarsene.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da:

I commenti sono chiusi.