[TheChamp-Sharing]

pubblicato: mercoledì, 12 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Terroni del Nord

La Svizzera dice “Stop” agli immigrati: il referendum di domenica scorsa ha infatti decretato la vittoria dei sì per le limitazioni alle quote di stranieri nel paese. Una misura che colpirà anche i tanti italiani del Nord, lavoratori frontalieri in Svizzera. E la vittoria del referendum ha già avuto i primi effetti: di colpo gli Italiani confinanti sono finiti nel mirino della propaganda anti-immigrati.

referendum-immigrazione-in-svizzera

Abitudini  – Nel mirino in particolar modo le usanze tipiche degli immigrati italiani, accusati di parlare in dialetti incomprensibili come l’alto-varesotto o il basso-bergamasco. “Gli immigrati padani  – denuncia il banchiere Humbert Loden-Bossen, leader del partito della Lega Svizzera – non vogliono imparare la nostra lingua, non si integrano e ci ammorbano con la loro puzza di polenta e di casseula: questi mangia-panettone ci hanno stancato, che tornino al loro paese”. “Vengono qui e pensano di poter fare come a casa loro – spiega il finanziere Mathieu Salvine, giovane leader della Ligue Swuisse Francoise – ci vogliono imporre le loro barbare usanze: corruzione, raccomandazioni, familismo. Non c’è reciprocità: se io vado in Italia mica posso rispettare le leggi e rispettare l’ambiente come farei qua…”.

Le ronde – Subito dopo la vittoria del referendum sono partite le ronde svizzere: decine di comuni cittadini elvetici, armati di fazzoletto bianco-rosso al collo, orologio da taschino e manganelli di puro cioccolato svizzero, pattugliano le strade a caccia di veneti, lombardi e piemontesi. “Se li troviamo li cacciamo fuori dalle balle – spiega Franz, banchiere –  qua non abbiamo lavoro per loro. Li vogliamo aiutare, ma a casa loro”.

 

bloglive_78805a221a988e79ef3f42d7c5bfd4181

Le provocazioni – Intanto hanno suscitato polemiche le provocazioni e le manifestazioni anti-immigrati lanciate dalle destre nazionaliste del paese. L’eurodeputato di Fiamma Bicolore Mario Borgheseur è arrivato a disinfettare i sedili dei treni dove solitamente viaggiano i pendolari veneti e lombardi. “La pulizia è importante – ha detto provocatoriamente Borgheseur – mi sembra ancora di  poter ancora sentire l’odore del fiume Po e della pianura padana che si portano addosso…”. L’eurodeputato nazionalista Calderoy è arrivato perfino a consumare un mix di pizza e pasta (usanza sacrilega per gli italiani) sopra il terreno dove in futuro dovrebbe sorgere una trattoria lombarda, allo scopo di “desacralizzare” il terreno ed impedirne così la costruzione.

Emergenza sbarchi – Intanto, dopo l’annunciata chiusura delle frontiere, decine e decine di imprenditori varesotti, comaschi, torinesi e milanesi stanno assaltando le frontiere svizzere, a bordo di mezzi di fortuna, come Fiat Palio o Multiple. Solo nella giornata di ieri a Chiasso si è registrato l’arrivo di 15 milanesi (di cui tre donne e un bambino) a bordo di una Fiat Duna e di 28 fornai bergamaschi nascosti nel vano di un Tir. Identificati e spostati nel Cide (Centro italiani da espellere) di Lucerna, sono in attesa di essere rimpatriati. “Vi prego, chiediamo diritto di asilo – spiegano gli immigrati, provati dal lungo viaggio – non possiamo tornare in Italia: là ci fanno pagare l’Iva al 23%, la benzina a 2 euro al litro e abbiamo Letta come Presidente del Consiglio!” “Ci piange il cuore vederli così – spiega la signora Rosetta, chiassese Doc – ma non possiamo davvero più accoglierli. Se ne deve occupare l’Europa, da soli non ce la facciamo”.

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

La mano scorticata

articolo scritto da:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.