Conservatori e Riformisti europei, Zahradil: “Flessibilità e decentralizzazione”

Conservatori e Riformisti europei, Zahradil: “Flessibilità e decentralizzazione” A Bruxelles abbiamo incontrato Jan Zahradil, candidato alla presidenza della Commissione Europea per l’Alleanza dei Conservatori e Riformisti Europei. Conservatori e Riformisti Zahradil, 56 anni, dal 2004 rappresenta nel Parlamento Europeo il Partito Democratico Civico della Repubblica Ceca, è un conservatore liberale di stile anglosassone, personalmente favorevole al matrimonio gay, ma contrario all’adozione dell’euro per tutte le nazioni europee, ad esempio. “Siamo conservatori in molti aspetti, ma anche riformisti: vogliamo cambiare il corso dell’integrazione europea”, ci ha detto. Zahradil: “Non euroscettici, ma eurorealisti” Euroscettici? “Preferirei dire eurorealisti. Apprezziamo il mercato unico europeo ma siamo scettici sull’unificazione delle tasse. Perché ogni economia è diversa e riguardo la politica fiscale ogni Stato dovrebbe essere libero di organizzarsi autonomamente a livello di spesa e di tasse”. È convinto che questo non sia in contraddizione con il mercato unico europeo: “Per quello ci sono certi requisiti, come il debito pubblico e l’inflazione, ma gli strumenti per perseguire tali obiettivi dovrebbero essere di giurisdizione esclusiva nazionale. Non possiamo ordinare a uno stato come organizzare il welfare, il sistema pensionistico o il sistema sanitario, che sono molto radicati nella tradizione nazionale e non possiamo unificare”. Per spiegare che... View Article