•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 25 gennaio, 2012

articolo scritto da:

Elezioni presidenziali in Finlandia: sarà ballottaggio tra Niinistö e Haavisto

Un copione seguito alla lettera, neanche un colpo di scena. In Finlandia il primo turno delle elezioni presidenziali fila via come previsto: è Sauli Niinistö il mattatore e a questo punto può aspettare serenamente il 5 febbraio, data del secondo turno, quando gli elettori dovranno scegliere chi spedire alla Presidenza della Repubblica tra lui e Pekka Haavisto. Ma non ci dovrebbe essere storia: il vantaggio è troppo netto perché il candidato del Partito di Coalizione Nazionale possa uscirne sconfitto.

[ad]Niinistö porta a casa il 37% dei voti. A seguirlo appunto Haavisto, candidato della Lega Verde, con il 18,8% e Paavo Väyrynen, del Centro, col 17,5%. Gli altri sono lontani: Timo Soini (Veri Finlandesi) al 9,4%, Paavo Lipponen (Socialdemocratici) al 6,7%, Paavo Arhinmäki (Alleanza di Sinistra) al 5,5%, Eva Biaudet (Partito Popolare Svedese) al 2,7% e Sari Essayah (Cristiano Democratici) al 2,5%.

Sono pressappoco i numeri che i sondaggi delle ultime settimane avevano anticipato. Variazioni minime, nell’ordine di un paio di punti: in sostanza, nessuna sorpresa.

Nel corso dei mesi di campagna elettorale Niinistö ha perso molto del consenso. C’era stato un momento in cui il candidato del Partito di Coalizione Nazionale era accreditato addirittura della maggioranza assoluta. Ma questa discesa non deve stupire. In quella fase non tutti i candidati s’erano fatti avanti, gli indecisi pesavano ancora poco (sarebbero diventati il 17% a pochi giorni dal voto), e la campagna elettorale non era neanche lontanamente vicina ai suoi momenti più caldi. Inoltre, come hanno evidenziato gli analisti, una flessione è fisiologica: si tratta di un fenomeno naturale che precede il primo turno delle presidenziali. Identica storia c’era stata nel 2006, quando la laburista Halonen era scesa dal 50% circa al 46%. La stessa parabola di Niinistö, anche se con numeri più corposi.

Elezioni presidenziali in Finlandia: sarà ballottaggio tra Niinistö e Haavisto

Il ballottaggio del 5 febbraio metterà l’uno contro l’altro Niinistö e Haavisto. Anche questo era stato ampiamente annunciato. La maggior parte delle analisi pre-voto indicavano in Soini e Haavisto i due avversari più probabili e scomodi per Niinistö, anche se definirli ‘scomodi’ è eccessivo. Il veterano del Partito di Coalizione Nazionale il 5 febbraio dovrebbe essere in grado di superare agevolmente il proprio avversario, se non col 70% dei voti che alcuni pronosticano almeno con una maggioranza tangibile, che poi è quello che conta.

Vince Niinistö, vincela LegaVerdeche con Haavisto manda un proprio uomo al secondo turno, vince Timo Soini che triplica il proprio bagaglio di voti dopo aver già tentato nel 2006 l’assalto alla presidenza: allora prese il 3,4% dei voti. Chi esce sconfitto? I socialdemocratici di sicuro, che hanno perso la presidenza della Repubblica retta per due mandati da Tarja Halonen e hanno sostanzialmente guardato da spettatori l’intera corsa. Paavo Lipponen, veterano laburista, ex primo ministro, curriculum ricco e impeccabile, non ha mai davvero gareggiato per vincere. E non ha mai acceso i cuori dei socialdemocratici.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

sondaggio legge elettorale

sondaggio legge elettorale

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento