•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 13 novembre, 2014

articolo scritto da:

Isis: Obama pensa alla destituzione di Assad in Siria

siria, isis, obama, assad

Secondo la CNN, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama starebbe riconsiderando la strategia adottata in Siria per combattere i miliziani dell’Isis. E in questa nuova valutazione rientrerebbe anche il ruolo del presidente siriano Bashar al-Assad. Lo scrive la CNN, citando alcune fonti anonime all’interno dell’amministrazione americana.

Rivedere la strategia contro l’Isis

Secondo quanto ricostruito dalla CNN, i risultati delle ultime settimane avrebbero convinto Obama che la sconfitta dell’Isis passa per una vittoria su due terreni: quello in Iraq e quello in Siria. Ma l’attuale quadro politico siriano richiederebbe la destituzione del presidente siriano Bashar al-Assad e l’avvio di una transizione politica.

Obama ha chiesto ai funzionari della sicurezza nazionale di avviare una revisione del sentiero seguito fino a oggi. Durante gli incontri, a Washington si sarebbe parlato di “come la strategia sulla Siria si inserisce in quella contro l’Isis”. Altre fonti citate dalla CNN sostengono che quello in atto non è un cambio di rotta ma una “ricalibrazione”. Allo stesso tempo  hanno però confermato che Obama è preoccupato per alcuni aspetti della strategia messa in campo.

siria, isis, obama, assad

Photo by DVIDSHUB  – CC BY 2.0

Il ruolo dei moderati siriani

La strategia di Obama prevede che siano i ribelli siriani moderati (addestrati e armati dagli Usa) a combattere l’Isis sul terreno: al momento però questo è impossibile, considerato che i ribelli combattono contemporaneamente contro l’esercito regolare di Assad e contro i miliziani islamici dell’Isis e di al-Nusra. “È abbastanza chiaro che supportare l’opposizione siriana nella speranza che rovesci Assad non è una cosa che sta funzionando” ha dichiarato un alto funzionario americano, come riportato dalla CNN.

Bashar al-Assad

Secondo la CNN, negli Stati Uniti si sta cominciando a pensare alla destituzione di Assad ma per ora le dichiarazioni ufficiali non si discostano troppo da quanto sostenuto fino a oggi: “Assad è il principale polo di attrazione per l’estremismo in Siria e ha perso chiaramente ogni legittimità a governare. Oltre ai nostri sforzi per isolare e sanzionare il regime di Assad, stiamo lavorando con i nostri alleati per rafforzare l’opposizione moderata” ha dichiarato il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale.

I sospetti dell’opposizione siriana moderata

A inizio settimana, il capo dell’opposizione siriana moderata, Hadi al Bahra, aveva accusato gli Stati Uniti di condurre un’operazione miope e di aver messo in campo una strategia confusa: “La coalizione sta combattendo il sintomo del problema, l’Isis, senza voler fare i conti con la causa principale, il regime. La gente vede gli aerei della coalizione colpire i bersagli dell’Isis ma gli Stati Uniti e i loro alleati fanno finta di non vedere quello che sta facendo l’aviazione del regime, che ad Aleppo e altrove colpisce i civili con barili bomba e missili”.

Hadi al Bahra aveva aggiunto di avere il sospetto dell’esistenza di “un’agenda segreta, un accordo di cooperazione tra la coalizione e le forze di Assad. Sta di fatto che Assad si comporta come uno che ha mano libero”

Immagine in evidenza: photo by WatchsmartCC BY 2.0


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments