•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 17 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Milleproroghe approda in Aula tra le proteste delle opposizioni

milleproroghe salva berlusconi

Nella notte, come sta accadendo spesso nelle ultime settimane, è stato approvato il decreto Milleproroghe dalle commissioni competenti alla Camera. Oggi, precisamente alle 18.30, l’esame del provvedimento passerà in Aula, dove ancora una volta il governo potrebbe porre la questione di fiducia. I tempi sono stretti: il decreto scade il primo Marzo, inoltre sarà atteso anche il passaggio al Senato

Le principali novità: dalla proroga degli sfratti al regime dei minimi

Con il Milleproroghe 2015, gli sfratti saranno bloccati per quattro mesi, affinché il giudice possa disporre “la sospensione dell’esecuzione” dello sfratto – fino al centoventesimo giorno dall’entrata in vigore della legge di conversione – per facilitare il passaggio da una casa all’altra. Poi come già anticipato dal governo, sarà disposta la possibilità per le partite Iva di scegliere il regime dei minimi più conveniente, quello dell’anno scorso o il nuovo del 2015.

Invece potrebbero gioire Rai e Mediaset, che secondo Repubblica pagherebbero meno l’affitto sulle frequenze. Non ci sono state modifiche delle norme e dei canoni sulle frequenze televisive ai livelli del 2013, come era stato paventato prima dell’approvazione del Milleproroghe.

Approvate, o in via di approvazione, altre proposte dei relatori, dalla riapertura dei termini per la rateazione delle cartelle Equitalia alla proroga per altri due anni degli incentivi per il rientro dei cervelli, fino alla proroga dell’appalto per i collaboratori scolastici di Palermo (fino a fine anno), in attesa che si trovi una soluzione per i lavoratori, e alla possibilità fino al 30 giugno per gli enti locali di chiedere la riapertura degli uffici dei giudici di pace soppressi per effetto del riordino. Ok atteso anche per l’aumento al 20% dell’anticipo del prezzo degli appalti e dello slittamento a settembre del termine per la riduzione delle stazioni appaltanti.

Protestano Forza Italia e Movimento 5 Stelle

Contrarie sui metodi della discussione e su alcune norme, le opposizioni hanno rallentato la seduta notturna. Fi e M5S hanno protestato soprattutto sull’emendamento che destina un milione di euro ai dipendenti della Fondazione Tommaso Campanella: un istituto calabrese per la ricerca e la cura contro il cancro, che ha alcuni vertici indagati. In aggiunta i deputati delle minoranze hanno contestato i tempi ridotti con cui sono stati discussi alcuni emendamenti. Tra i quali troviamo anche lo stop alle sanzioni per la violazione del patto di stabilità in favore della Regione Lazio di Nicola Zingaretti.

milleproroghe-camera

Sono arrivate lamentele anche da una parte interna del Partito Democratico, critica sulla sospensione per due anni dei “requisiti per il trasferimento della titolarità delle farmacie”, che sarebbe un ostacolo vero e proprio per migliaia di farmacisti che partecipano al concorso per l’apertura delle nuove sedi. Secondo Margherita Miotto i partecipanti verranno “bypassati da persone senza idoneità ma con soldi a sufficienza”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
ExPD
ExPD

Catapano crede che le opposizioni non presentano progetti alternativi. E' semplicemente ignorante.

Pierfrancesco Catapano
Pierfrancesco Catapano

perchè continuate a chiamarle opposizioni? L'opposizione propone progetti alternativi, tratta per migliorare i progetti del governo e si prepara a sostituirlo. Questa è solo gente (in senso dispregiativo) che odia renzi, chiamateli rosiconi.