•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 marzo, 2015

articolo scritto da:

Legge elettorale, Bersani: “Se Renzi non la cambia io non la voto”

bersani pd

A Bersani non piace il modello di legge elettorale, cosiddetto Italicum, proposto da Renzi. “Non è una questione tra me e Renzi, è un problema che dovrebbero porsi tutti. Un problema di equilibri della democrazia: con questo sistema ipermaggioritario, con una camera di nominati, se al ballottaggio vincesse Grillo che succederebbe? Se lo sono chiesto?”.

L’ex segretario del Pd Pier Luigi Bersani in un colloquio con La Stampa spiega le sue perplessità: “Se Renzi non cambia l’Italicum, non lo voto, e questa sarà l’ultima volta che voto la riforma costituzionale”, ma “se otteniamo una modifica, garantiamo che in Senato si voti. Qui nessuno vuole bloccare nulla”.

Bersani: no a liste bloccate e doppio turno

“Basta minacce, questa tendenza a pensare che gli altri siano solo attaccati alle poltrone sembra tanto una proiezione”, dice Bersani, secondo cui i nodi sono le liste bloccate e il doppio turno.

pierluigi bersani

Al secondo turno, osserva, potrebbero andar persi voti a sinistra e aggregarsi tutti i voti anti-sistema, compresi quelli di Salvini e della destra. E poi a suo parere c’è il vulnus “di due partiti, magari uno col 25% e l’altro con il 30%, che si contendano un premio di maggioranza del 51% in un ballottaggio che lascerebbe fuori la metà degli elettori. La soluzione sarebbe il ballottaggio di coalizione, consentendo un apparentamento al secondo turno, per far partecipare tutti”.

Cuperlo: “Renzi rifletta, in gioco tenuta Pd”

Su un tema come “la qualità della democrazia, in gioco non è la sorte del governo ma il destino del Pd”. Così Gianni Cuperlo (Pd) sulle riforme. Al Tg3 che gli domanda se si potrebbe arrivare alla scissione, risponde: “Non è in discussione il rapporto tra maggioranza e minoranza ma l’identità del Pd, Renzi ci pensi prima che sia troppo tardi”.

Di Maio: “Con Italicum M5S vincerebbe, Pd ritoccherà legge”

“Lo sanno tutti qui a Montecitorio, ed è per questo che la legge elettorale rallenta inesorabilmente: con l’impianto attuale dell’Italicum, se tenessimo presente l’ultimo risultato delle elezioni europee – ma possiamo essere anche più pessimisti, io parlo della classifica – finirebbero al ballottaggio il Movimento 5 Stelle e il Pd. Come è successo nei comuni dove governiamo, molte delle persone che non votano Pd voterebbero per noi e vinceremmo le elezioni nazionali”. È la previsione che il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, membro del direttorio M5S, affida a Facebook. “Noi siamo coerenti – prosegue Di Maio – Non smetteremo mai di fare dura opposizione ad una legge elettorale a nostro parere incostituzionale: con questo premio di maggioranza abnorme, chi vince non lo merita. E soprattutto si continua a portare nominati in Parlamento, come il Porcellum. Il Pd invece ha paura di perdere e per questo vuole ritoccare ancora una volta la legge. Non è colpa del bicameralismo ma del loro opportunismo”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

94 comments
Franco Balconi
Franco Balconi

Certo perche' negli ultimi anni le cose sono andate benissimo cosi

Marco Angius
Marco Angius

Si Si gargamella parla spara la cazzata del giorno e poi vota quello che dice il suo partito di incompetenti

Gianfranco Borca
Gianfranco Borca

Ultime parole famose... poi, come sempre, votera' qualsiasi porcata gli presentino. Per rispetto al partito... Bastardo come tutti i suoi complici.

Simone L'Uschi
Simone L'Uschi

invece se vince il PD vuol dire che gli elettori sono tutti scemi in vendita per 80 euro. Un ragionamento che non fa una piega.

PaoloGalante
PaoloGalante

Il terrore di Bersani non è Grillo ma il M5Stelle, dopo sei mesi di governo pentastellato Bersani  sarebbe  talmente mortificato dalla pochezza del proprio pensiero politico e si impiccherebbe come fece Giuda.

Graziano Coletti
Graziano Coletti

Se al ballottaggio vincesse il 5 stelle andreste tutti a casa con un calcio nel sedere

ExPD
ExPD

Se davvero vincesse Grillo? Sparirebbero i vari Renzi, Bersani, Civati, Berlusconi, Brunetta, Santanché, Alfano, Vendola... sarebbe il PARADISO!


Marco Angius
Marco Angius

Hanno una paura fottuta casta di parassiti. Vogliono a tutti i costi che vinca un loro partito così continueranno indisturbati i loro inciuci. Wmovimento 5stelle di maio presidente

Claudio Pulici
Claudio Pulici

...il BOCCIONE di trielina per SMACCHIARE IL GIAGUARO dovrebbe essergli avanzato quasi pieno...ne approfitti GARGAMELLA per togliersi almeno l'odore di sigaro dall'alito fetido che certamente si ritrova... Ci mancava Ricolfi e la sua fanta-ipotesi-ridicola della possibilità di ballottaggio PD-M5S con vittoria finale di BEPPONE IL CIALTRONE... LA SETTA NAZIFASCISTA e FILO MAFIOSA del M5S HA LE SETTIMANE DI VITA CONTATE PER PALESE INCONCLUDENZA ED INCAPACITA' POLITICA E RICOLFI PENSA ALLE POLITICHE DEL 2015 con una teoria che il prof, D'Alimonte, VERO ESPERTO DI SISTEMI ELETTORALI, ha demolito in un nanosecondo!

Americo As Roma Scaccia
Americo As Roma Scaccia

Fa bene Renzi a cercare l'incidente così si va al voto e spazza via tutti, Bersani si sta dando la zappa sui piedi da solo per colpa di Bersani che Berlusconi è ancora in sella.

LauraTonino
LauraTonino

spazza via tutti.
Uno scenario interessante per preparsi tutti all'esodo all'estero

Nada Di Giandomenico
Nada Di Giandomenico

Ma si può fare una legge elettorale in previsione opportunistica della sua applicazione piuttosto che stando attenti alle questioni di costituzionalità ....

Giacomo Scaglia
Giacomo Scaglia

se per somma disgrazia dovesse vincere il M5S chi ha rubato tirera' fuori tutto fino all'ultima goccia e da ricchi si troveranno col culo senza mutande..ecco cosa deve succedere a chi ruba :) un sogno che si sta realizzando

Barbara Balboni
Barbara Balboni

Le riforme costituzionali e una legge elettorale possono rimanere in vigore decenni. Prima di giudicarle ciascuno di noi dovrebbe pensare alle conseguenze ....... il partito di maggioranza con le riforme che il Parlamento sta votando avrebbe un potere enorme, gli altri quasi nessuna possibilita' di incidere sulle leggi ed anche sugli istituti di garanzia (Presidente della Repubblica, Corte Costituzionale, Csm). Chiunque vinca prende tutto o quasi. E se vincesse il partito che secondo voi e' il peggiore, il meno democratico, il piu' ladro o il piu' ballista? Fate uno sforzo di immaginazione ... sareste contenti se l'avversario della vostra squadra del cuore potesse scegliersi da solo, senza nemmeno coinvolgere nessuna delle altre squadre del campionato, l'arbitro ed i guardalinee di tutte ma proprio tutte le partite???

Giovanni David
Giovanni David

Se mai dovesse vincere il M5S vuol dire che il popolo lo ha votato con un sistema maggioritario.... semplice..... e limpido..... paura eh?

Nadir Crive
Nadir Crive

sarebbe come dire chele disgrazie per l'italia non sono finite

MauroBenivegna
MauroBenivegna

leggendo i commenti ...le preoccupazioni principali sono che non vinca il "populismo" che non vinca Grillo..semmai il m5s.....e gia' non si ricordano piu' tutti gli scandali la  corruzione lo spreco di denaro pubblico Monte Paschi di siena  Tav Mose Expo scandalo del comune di Roma  ....coinvolte  tutte le forze politiche tranne il m5s...e gia' il problema e' la legge elettorale..tutto il resto non conta basta aver bene definite le prorpie ideologie  se sei fascista sei di destra e voti destra se sei comunista sei di sinistra e voti sinistra.....se sei ignorante  voti Lega poi se ti fottono da destra a sinistra non importa....l'importante e' non essere populista...be..se non sei populista oggi  sei solo un cogli..one perchè il popolo sei tu....


Alberto Sorrentino
Alberto Sorrentino

Illusi. Se poi per somma disgrazia dovesse davvero vincere il M5S vorrebbe dire che la maggioranza l'ha voluto. E chi è causa del suo mal, pianga sé stesso

Simone Maria Anfuso
Simone Maria Anfuso

CERTO I PROBLEMI SONO SEMPRE QUELLI VOSTRI DEI PARTITI, MA COSA COSA COSA DE PAZZI MA NESSUNO VI SGOZZAAAA BASTARDI INVECE DI VEDERE I VOSTRI PROBLEMI GUARDATEVI IN GIRO FARABUTTI CHE NN SIETE ALTRO TUTTI LA STESSA RAZZA

Massimo Oldani
Massimo Oldani

Bene caro Bersani ora che hai detto " l ' ultimo si" voglio proprio vederti a dire no e magari mettere pure a rischio il governo. Per inciso pensare di far tornare l ' italicum al senato è il chiaro segno di voler affossare tutto per continuare ad avere il caos in cambio. Perché ?

George Ross
George Ross

Forse sarebbe la salvezza dell'Italia

Nora Picone
Nora Picone

Secondo molti i coglioni sono quelli che votano pd che ha preso una deriva destroide.

Michele Catalano
Michele Catalano

Ha ragione bersani, l italia non é pronta per l onestà dunque é giusto che continuino a vincera le elezioni i soliti noti con l aiuto della mafia e delle lobbie. E mi raccomando popolo bue non votate Grillo perché sarebbe scheda nulla visto che non risulta candidato da nessuna parte.

Alessandro Drago
Alessandro Drago

già... peccato che la "lezione" se la prenderebbero tutti gli italiani e non solo i coglioni che avrebbero votato m5s

Domenico Zedh Tedeschi
Domenico Zedh Tedeschi

Stai sereno Bersani, Grillo non vincerà mai, almeno che, gli italiani non diventino tutti matti e pagliacci, ma non credo.

Mauro Kyriakos Loru
Mauro Kyriakos Loru

Io ho pensato ad una legge elettorale proporzionale con preferenze, sbarramento al 3 % e premio di maggioranza a chi arriva prima per voti coalizione o lista che sia. La particolarità sta nel premio di maggioranza che sarebbe "mobile" in rapporto ai consensi presi. Nello specifico, ho ipotizzato un premio pari al 50% dei seggi ottenuti col calcolo proporzionale (si potrebbe anche fare pari al 45%...). Naturalmente, ci sarebbe una soglia massima di seggi che una coalizione può avere: sempre 340. In questo modo, avremo un premio legato ai voti. Di seguito faccio un breve esempio, poichè capisco che serve maggiore chiarezza: A) 35,5% dei voti ottenuti- 224 seggi col proporzionale puro- premio di maggioranza pari a 112 seggi (224:2, il 50% di 224)- TOTALE SEGGI OTTENUTI: 224+112= 336. Oppure B) 35,5% dei voti ottenuti- 224 seggi col proporzionale puro- premio di maggioranza pari a 101 seggi (il 45% di 224)- TOTALE SEGGI OTTENUTI: 224+101= 325.

Lucio Filipponi
Lucio Filipponi

Ma è tutta scena, poi come ieri votano con il RE D'Italia. Cagasotto e poltronisti