•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 30 aprile, 2015

articolo scritto da:

Pubblica Amministrazione, arriva il primo sì del Senato alla riforma

rinnovo contratto statali, jobs act ministro pubblica amministrazione marianna madia

Via libera del Senato alla riforma della Pubblica Amministrazione, con 144 favorevoli, nessun contrario nè usciti dall’Aula, un astenuto. Arriva così il primo sì al ddl, incardinato a palazzo Madama 8 mesi fa. Il provvedimento spazia dal digitale ai poteri del premier, dall’addio alla Forestale al riordino della dirigenza.

In particolare hanno votato a favore il Pd, Ap e il gruppo Autonomie, mentre si sono espressi contro M5s, Fi, Sel, Ln e Gal. I lavori sulla delega hanno preso il via infatti a inizio settembre in commissione Affari Costituzionali, che ha licenziato il testo il primo aprile. Diversi gli stop and go che hanno contribuito ad allungare i tempi ma c’è stato anche un ampio esame del ddl, uscito cambiato dal lavoro della commissione. Un articolo è stato stralciato altri sono stati inseriti, alcuni capitoli sono stati quasi completamente riscritti. Tra le principali novità inserite dal Senato l’apertura a un polo unico della medicina fiscale, accentrando i controlli sull’Inps; la delega per mettere a punto il cosiddetto ‘taglia decreti’ ministeriali; il giro di vite sulle azioni disciplinari; la scure sulle partecipate pubbliche. Ora il provvedimento passerà alla Camera dei deputati, per la seconda lettura. L’obiettivo del Governo è arrivare al sì definitivo sul ddl entro l’estate. Quanto ai tempi per la messa a punto dei decreti legislativi, l’esecutivo ha più volte spiegato si essere già a lavoro sull’attuazione della riforma, in modo da presentare i primi decreti appena terminato l’iter in Parlamento.

ministro pubblica amministrazione marianna madia

Pubblica amministrazione, il tentativo di far saltare il voto da parte delle opposizioni

Le opposizioni non hanno partecipato al voto finale sulla riforma della P.A. per tentare di far saltare il numero legale al Senato. L’obiettivo sarebbe stato, secondo quanto si apprende, quello di portare a uno slittamento del via libera al ddl P.A. Il numero legale a Palazzo Madama è stato raggiunto per un soffio, “un solo voto”, raccontano esponenti della Ln e di Fi. E assicurano: “Non c’è stato nessun Aventino, era solo un modo per sottolineare le poche presenze in Aula”.

Pubblica amministrazione, Madia: “Intento è quello di migliorare ancora la riforma”

“Vado alla Camera con l’intento di migliorarla ancora”. Così il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, dopo il via libera al ddl da parte del Senato, in prima lettura. “Credo che un provvedimento così articolato e importante non possa non avere una discussione approfondita e seria nei due rami del Parlamento”, spiega. “Vogliamo – aggiunge – valorizzare e non svilire la figura del prefetto, alla Camera lo espliciteremo, visto anche il loro ruolo nella gestione dell’immigrazione”

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento