•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 21 luglio, 2015

articolo scritto da:

Italia condannata da Strasburgo per unioni gay: “Riconosca i diritti”

mano nella mano con bracciali colore arcobaleno

Strasburgo condanna l’Italia sulle unioni gay: “riconosca i loro diritti”. La pronuncia è della Corte europea dei diritti umani che ha sancito la violazione dei diritti delle coppie omosessuali. L’Italia deve dunque introdurre il riconoscimento legale per le coppie dello stesso sesso. La condanna dai giudici di Strasburgo riguarda in particolare la violazione dei diritti di tre coppie omosessuali. La Corte ha riconosciuto all’unanimità che vi è stata una violazione del’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti umani, che regola il rispetto per la vita privata e famigliare. La Corte ha ritenuto che “la tutela giuridica attualmente in vigore per le coppie dello stesso sesso in Italia, come è stato dimostrato dalla situazione dei ricorrenti, non solo non tutela le esigenze fondamentali di una coppia impegnata in una relazione stabile, ma non è neppure sufficientemente affidabile”.

Prima dell’Italia, nel 2013, sempre dalla Corte era stata condannata la Grecia per aver escluso dalle unioni civili le coppie dello stesso sesso.

corte diritti uomo condanna italia su unioni gay

Sabato Renzi ha annunciato: approvazione entro l’anno

Nella giornata della direzione del Pd di sabato il premier e segretario del Pd Renzi ha annunciato: “Unioni civili entro l’anno”. Proprio l’annuncio di Renzi ha indotto il parlamentare democratico Scalfarotto ad interrompere lo sciopero della fame finalizzato ad attirare l’attenzione sull’argomento. Ma le parole del premier hanno anche scatenato la reazione della Cei per la quale “le urgenze sono altre. Per esempio, la famiglia”.

Unioni gay, Fratoianni: “Sentenza misura arretratezza Paese”

“La sentenza di oggi misura ancora una volta lo stato di arretratezza del nostro Paese sul terreno dei diritti civili e di libertà. Fa dunque bene il sottosegretario Scalfarotto a chiedere uno scatto di orgoglio. Mi permetto però di segnalargli che le resistenze e le tattiche dilatorie a cui si riferisce vengono dall’interno della maggioranza che sostiene il governo di cui fa parte”. Lo afferma in una nota Sinistra Ecologia Liberta con il coordinatore nazionale, Nicola Fratoianni. “Come Scalfarotto sa bene in Parlamento esiste già una possibile maggioranza per approvare una legge ben più avanzata di quella attualmente in discussione al Senato. Chieda quindi uno scatto innanzitutto al suo governo e al suo partito. Noi siamo pronti”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

9 comments
Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

il concetto è uscire da tutti i trattati internazionali incluso quelli stipulati per aderire al Consiglio d'Europa, l'organo di cui tale corte fa parte.

Andrea Anedda
Andrea Anedda

Peccato che la Corte europea dei diritti dell'uomo non sia un organo dell'Unione Europea, ma un organo internazionale, proprio peccato.

Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

fuori dall'Europa. La corte di Strasburgo vada a fanculo insieme a tutta la UE. La sola legge sovrana è quella italiana.

Nicola Michele Donvito
Nicola Michele Donvito

Io sono sempre stato tollerante nei confronti di qualsiasi diversità e lo sono tutt'ora, ma chi non capisce che dietro queste manovre politiche non c'è un fisiologico ammodernamento, ma un tassello di un piano molto più grande, a nostro discapito, criticherà a prescindere chiunque si dichiari contrario a questa imposizione sociale, anche se quel qualcuno ha dei motivi che considera validi.