•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 16 dicembre, 2011

articolo scritto da:

Sistemi elettorali: ecco come funziona il Voto Singolo Trasferibile

Proporzionale alla tedesca, maggioritario a doppio turno alla francese, mattarellum di nostrana memoria… La lista dei sistemi elettorali possibili è lunghissima ed ogni volta che, alla ribalta della cronaca politica, torna il tema della riforma elettorale, esimi accademici ed uomini politici prendono posizione sostenendo efficacia ed equità di un sistema piuttosto che di un altro.

[ad]Maggioritario o proporzionale? Soglia di sbarramento e premio di maggioranza? Voto di preferenza o liste bloccate? Le possibili combinazioni sono praticamente infinite e districarsi tra le soluzioni offerte rischia di diventare quanto mai insidioso.

Con ciclicità quasi costante, alcune formulazioni tornano a godere di crescente popolarità mentre altre capitolano sotto i colpi della pratica elettorale. In questo articolo abbiamo deciso di analizzare il funzionamento di un sistema molto apprezzato in ambito accademico che però annovera relativamente pochi casi di attuazione pratica: il Voto Singolo Trasferibile.

Semplicisticamente definito come “sistema all’australiana” il VST è un meccanismo di trasformazione dei voti in seggi piuttosto articolato che ha conosciuto differenti applicazioni da paese a paese (è usato sia per elezioni politiche che amministrative) e che difficilmente può essere ascritto nella categoria dei sistemi maggioritari o proporzionali.

voto singolo trasferibileLa differenza più rilevante rispetto agli altri sistemi utilizzati dalle democrazie rappresentative è sicuramente nel meccanismo di espressione del voto. L’elettore ha infatti a disposizione un unico voto, che è chiamato ad esprimere ordinando progressivamente i vari candidati del collegio indicati sulla scheda dal primo all’ultimo, in base al proprio gradimento. In alcuni paesi l’elettore è obbligato a ordinare tutti i candidati, pena l’annullamento della scheda; in altri, come Malta e Irlanda, è sufficiente indicare almeno la prima preferenza.

Prima di procedere allo spoglio delle schede viene calcolata la Droop quota, ovvero il numero di voti minimo che i candidati dovranno raggiungere per suddividersi tutti i seggi a disposizione (si ottiene dividendo il numero di voti validi per il numero di seggi aumentato di un’unità; al quoziente di questo rapporto si aggiunge  un’unità e si arrotonda il risultato per difetto). Per determinare gli eletti si procede quindi a conteggiare le prime preferenze per ciascun candidato. Risulteranno eletti direttamente solo quei candidati che avranno superato la Droop quota. Qualora nessun candidato dovesse superare tale quota si procede ad escludere il competitor che ha ottenuto il minor numero di prime preferenze e le sue schede verranno ridistribuite sugli altri candidati in base alla seconda scelta operata dagli elettori. Qualora non fosse ancora raggiunto il numero dei voti minimo previsto dalla Droop quota per l’attribuzione del seggio, si procederà a ripetere l’operazione di esclusione del candidato con minor numero di prime preferenze fino a quando un candidato, aggiungendo ai propri voti di prima preferenza i voti trasferiti, non raggiunga la quota.

Ma il meccanismo del Voto Singolo Trasferibile prevede anche un’altra particolarità. Se un candidato riesce ad ottenere un numero di preferenze superiore alla soglia minima prevista dalla Droop quota, i voti in eccesso non vengono “sprecati” ma trasferiti secondo le indicazioni degli elettori (ovvero tenendo conto delle scelte successive alla prima presenti sulle schede del candidato già eletto). Ovviamente non verranno trasferite tutte le schede del candidato già vincitore ma solo il numero di schede pari ai voti eccedenti alla Droop quota. Per “scegliere” materialmente quali schede trasferire agli altri candidati ancora in lizza si applica un sistema proporzionale sui voti di seconda preferenza espressi su tutte le schede del candidato eletto. Il procedimento di trasferimento dei voti e di eliminazione dei candidati con minor numero di prime preferenze prosegue con un meccanismo pressoché simile fino all’esaurimento dei seggi a disposizione.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: