•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 7 aprile, 2014

articolo scritto da:

Simboli per le europee: la rabbia curiosa dei Forconi

Ore 16, i giochi sono fatti: scade il termine per la presentazione dei simboli validi per le elezioni europee e la bacheca segna 64 simboli (67, se si considerano anche i ritiri). Non poteva mancare però la gazzarra dell’ultimo minuto: autore stavolta è Mariano Ferro, esponente siciliano dei Forconi che ha dato il via al movimento ben noto.

Lui, concitato, ha richiamato l’attenzione dei giornalisti presenti, chiedendo tutela per il proprio simbolo: “Qualcuno mi ha detto che oggi si chiudeva il deposito dei simboli e che qualcuno aveva depositato l’emblema con la scritta Forconi. Ma qualcuno può depositare un simbolo con un marchio che non gli appartiene?” A tutti ha ricordato anche la sua precedente partecipazione alle elezioni regionali siciliane del 2012, alle quali era candidato presidente.

Ferro

L’aria si è un po’ scaldata, anche perché lui non era venuto a Roma per depositare il contrassegno (risulta che abbia incontrato il sottosegretario Delrio): si è presentato persino il prefetto Nadia Minati, direttrice centrale dei servizi elettorali, per dirgli che la sua situazione (anzi, quella del simbolo “concorrente”) sarà valutata in base alla normativa speciale elettorale.

Ferro, che ha annunciato l’intervento dei propri legali per  ovviamente ha approfittato delle telecamere e dei fotografi per bacchettare i giornalisti, dicendo che occorre smettere di citare i Forconi solo quando ci sono gli arresti, come se si riconoscesse la forza del marchio solo quando si tratta di gettare fango.

Tutto bene? Insomma, qualcosa non quadra (e non per le accuse ai giornalisti): il signor Ferro, infatti, si è presentato al Viminale con il cappellino dotato di “pin” dei Forconi, guarda caso con un emblema tondo, come quello che potrebbe andare sulle schede. Gli abbiamo chiesto come mai, avendo già il simbolo, non ha pensato di fare una minidichiarazione, asserendo di esserne il fondatore e rappresentante e magari facendo intervenire la tipografia del Viminale; lui non ha risposto, chiedendo solo quanto tempo ci sarebbe stato per farlo (ma il termine, ovviamente, era già scaduto).

Chi non deposita un emblema, per la legge, non può ufficialmente contestarne un altro (per lo meno non in modo formale in questa fase): per ora, dunque, Ferro non potrà fare nulla. Ma il fatto che si sia presentato a tempo sostanzialmente già scaduto, con quel cappellino e solo sulla base (a detta sua) di una segnalazione suona almeno strano: la buona fede si concede a tutti, ma certamente quella contestazione si è trasformata in un’occasione di pubblicità a costo (quasi) zero. Con la complicità, ovviamente, di chi ha raccolto, scritto, ripreso e fotografato.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: