•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 12 maggio, 2014

articolo scritto da:

Expo, il commissario Cantone: “L’arma per combattere la corruzione è la prevenzione”

Raffaele Cantone

Ha le idee chiare Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, chiamato dal premier Matteo Renzi a vigilare sui lavori dell’Expo. “L’unica cosa da non fare è cancellare Expo. Sarebbe la più grande sconfitta per la democrazia, sarebbe come ammettere che l’illegalità ha vinto. Bisogna andare avanti e il governo ci mette la faccia” spiega Cantone in un’intervista concessa al Mattino. Secondo il commissario c’è un fil rouge tra le vicende di Expo, Berlusconi, Scajola e Dell’Utri. “La politica tarda a liberarsi da un diffuso malcostume. Non so se si tratta di un fallimento politico. Di certo in questi anni si è sbagliato a non lavorare abbastanza sulla prevenzione. Si è clamorosamente abbassato il livello di guardia di fronte a certi fenomeni. L’abbassamento della guardia – aggiunge l’ex magistrato – è anche il frutto di un’opinione pubblica spesso distratta”. “Tangentopoli non ci ha insegnato nulla. Tornano alla ribalta personaggi già condannati: il peggio poteva essere scongiurato”, dichiara Cantone, secondo cui “i partiti hanno grandi responsabilità perchè non hanno saputo attrezzarsi con delle regole chiare di finanziamento trasparente. La trasparenza – sottolinea – è l’anticorpo più potente nei confronti del malaffare. Si può tranquillamente mettere in campo una rete di controlli efficace, intelligente, agile e non burocratica, purchè ci sia davvero trasparenza”. D’accordo con Cantone è il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che in un’intervista a Repubblica afferma: “È incredibile ritrovare gli stessi nomi di Tangentopoli. C’è un sottobosco di malaffare che risorge sempre e che va estirpato. Non bisogna mai abbassare la guardia. Quello che sta accadendo in questi giorni dimostra che i controlli ci sono e che siamo in tempo a fare le cose in modo pulito. Da un male verrà un bene”. E sui controlli ha annunciato una stretta il ministro dell’Interno Angelino Alfano: “Sull’Expo abbiamo svolto una forte azione di contrasto alle infiltrazioni criminali” spiega il ministro al Tg1 sottolineando che 33 aziende sono state escluse dagli appalti e sono stati controllati 66 cantieri e 2.400 soggetti. “Questi sono i fatti contro le infiltrazioni criminali – ha aggiunto il titolare del Viminale – Adesso contro la corruzione disporremo di una task force che avrà anch’essa un ottimo risultato”. Expo, le prime ammissioni – Uno degli arrestati implicati nel tourbillon di tangenti e mazzette su Expo, Enrico Maltauro, ha ammesso i fatti “nella loro materialità”, così come sono stati contestati, ma si è riservato di chiarire la sua posizione a breve in uno o più interrogatori davanti ai pm Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio. Maltauro era stato filmato dagli investigatori mentre prendeva accordi con un’altra delle persone arrestate, Sergio Cattozzo, ex esponente ligure dell’Udc.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: