•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 12 maggio, 2014

articolo scritto da:

Caso Scajola: un quadro sempre più complicato

scajola

Un conto corrente bancario aperto presso la Tesoreria della Camera dei Deputati. Amedeo Matacena junior, ex deputato di Forza Italia – latitante a Dubai – condannato a 5 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Questi latitante a Dubai. E poi la moglie di quest’ultimo, Chiara Rizzo, in rapporti strettissimi con Claudio Scajola, con l’obiettivo di inviare quei soldi del cc bancario a Matacena per il suo trasferimento in Libano. E’ questo il complicatissimo quadro che ne evince dalla ricostruzione della Direzione Investigativa Antimafia, culminata con l’arresto dell’ex Ministro e di altre sette persone.

scajola arrestato dagli uomini della dia

Fra queste vi è la moglie di Matacena. Arrestata all’aeroporto di Nizza dopo essere tornata da Dubai. Il lavoro di quest’ultima è la ricerca di appoggi per trasferire il denaro necessario ad una nuova sistemazione per il marito: il Libano. Infatti Dubai è diventata troppo ‘calda’ per Matacena dopo la richiesta di estradizione ordinata dalla giustizia italiana. Beirut, al contrario, è una meta più tranquilla per chi ha la necessità di dormire sono tranquilli. Scajola promette una svolta: anzitutto organizza, per mezzo dell’intermediazione di Speziali – altro indagato –, un incontro con l’ambasciatore libanese in Italia, poi saltato per il rimpasto del Governo in seno a Beirut. Quando quest’ultimo si riforma promette una soluzione alla vicenda. A questo punto servono i soldi per organizzare il tutto.

Questo lo scambio di battute Scajola-Rizzo: “Amedeo ha un conto corrente presso la tesoreria della Camera?”. “Sì, in quanto l’ultima volta ha pagato versando ad Amedeo là”. “E’ perfetto – afferma Scajola – in quanto risolveranno tutto in questo modo… Se lui ha fatto una comunicazione alla Camera”. Quindi Chiara Rizzo, che interrompe Scajola sostenendo come “la comunicazione l’aveva già fatta e avevano fatto la doppia firma con Lei”. “Risolverò tutto”, la promessa di Scajola.

Gli interrogatori: oggi tocca a Rizzo, estradata dalla gendarmeria francese. Solo mercoledì toccherà a Claudio Scajola, in quanto la DIA di Reggio Calabria dovrà analizzare gli schedari sequestrati nell’ufficio dell’ex Ministro. “Una documentazione ancora tutta da esaminare e valutare”, ha affermato il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho”. Infine è arrivata la parola del diretto interessato, Macatena: “mi sono scoperto tra ieri e oggi per la prima volta a pensare veramente di farla finita – in un’intervista, per mezzo di Skype, alla Tgr Rai calabrese – , poi ho sentito mio figlio: non si può fare. Mi sento devastato. Come si sentirebbe lei se avesse sua madre agli arresti domiciliari, sua moglie in carcere ed i figli da soli, che stanno cercando di affrontare questa situazione difficile?. Non ho fatto nessun tentativo di andare in Libano – ha aggiunto – . In Libano sarebbe stato molto più facile essere estradato”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: