•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 27 maggio, 2014

articolo scritto da:

Disastro Scelta civica, la Giannini si dimette

Il catastrofico risultato elettorale di Scelta europea(0,7%), cartello elettorale agganciata all’Alde che racchiudeva Scelta civica, Centro democratico e Fare per fermare il declino, ha fatto la prima vittima. È di oggi infatti la notizia delle dimissioni di Stefania Giannini (ministro dell’Istruzione) da segretario del partito fondato poco più di un anno fa dal prof. Mario Monti.

“Di fronte a una sconfitta di questa portata consegno all’assemblea le mie dimissioni”. Così ha aperto i lavori del direttivo del partito. “La nostra responsabilità – avrebbe aggiunto il ministro dell’Istruzione – è quella di mantenere la lucidità e avviare un percorso di analisi e arrivare nel tempo necessario a capire quale orientamento dare a Scelta Civica. Da queste elezioni noi usciamo sconfitti, ma il Paese ne esce rafforzato: il Pd al 41% dà all’Italia forza di essere leader a livello internazionale” ha detto la Giannini. Già, il Pd. È proprio verso la linea riformista impressa da Matteo Renzi che gli elettori, che l’anno scorso avevano sostenuto i montiani, hanno premiato.

Quale futuro per il partito? La tesi verso una graduale confluenza proprio nel Pd è nettamente in minoranza rispetto alla stragrande maggioranza, circa l’80%, che guarda invece con simpatia nella direzione opposta cioè crede in una affinità elettiva con il Nuovo centro destra di Angelino Alfano.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

articolo scritto da: