• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 27 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Esportazioni Europa. Italia sempre prima in abbigliamento e calzature

esportazioni Europa

Esportazioni Europa. Italia sempre prima in abbigliamento e calzature

Non dovrebbe essere una novità. Il punto è che in questi anni più volte anche in settori in cui siamo sempre stati i leader mondiali ed europei abbiamo perso terreno. Nel settore agro-alimentare per esempio. Dove la Germania ci supera quanto a produzione. Per non parlare dell’auto

Non accade invece nell’ambito dell’abbigliamento e delle calzature.

Con 26,6 miliardi di euro l’Italia rimane il primo esportatore nel settore, con il 19% del totale europeo. Dopo viene la Germania con 22,8 miliardi e la Spagna con 14,3.

Al quarto e quinto posto Belgio, con 12,5 miliardi, e Francia, con 12.

Tra gli importatori invece prima è la Germania, con 39,9 miliardi, il 20% del totale. Solo 17,5 miliardi di vestiti e scarpe estere sono giunte in Italia nel 2017. Restiamo un esportatore netto per 9,1 miliardi. Probabilmente grazie gli Stati Uniti, che sono la maggiore destinazione dell’export europeo nel settore, con 4,5 miliardi importati. Seguono la Russia e Hong Kong

 

 

esportazioni Europa

Esportazioni Europa. Si consuma il 4,9% del reddito in vestiti e scarpe

Ma quanto spendiamo in vestiti e scarpe? In media in Europa il 4,9%.

Tuttavia i dati sono diversi da Paese a Paese.

Noi italiani arriviamo al 6,2%. Siamo i terzi, dopo Estonia e Portogallo. Vengono poi Austria e Lituania. Sopra la media europea anche Regno Unito e Polonia.

In Germania e in Francia invece si spende solo il 4,5% e il 3,8% rispettivamente. Agli ultimi posti Ungheria e Bulgaria.

Non pare essere una questione di Paesi ricchi e poveri come per altri beni, per esempio il cibo.

Qui a spendere una parte più piccola del reddito sono sia Stati ricchi come la Germania che poveri come la Bulgaria. Dipende più dalla presenza di vestiti e scarpe di poco prezzo, come capita dove sono diffuse grandi catene, e dal gusto.

Che sia forse la preferenza italiana per l’alta qualitàà a farci spendere di più? Mentre altrove, per esempio in Francia grandi gruppi e più importazioni dall’Asia riescono ad abbattere costi e quindi spesa nel settore.

esportazioni europa

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: