• 9
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 2 maggio, 2018

articolo scritto da:

Consultazioni Governo 2018: voto a giugno impossibile, le opzioni

consultazioni governo 2018

Consultazioni Governo 2018: voto a giugno impossibile, le opzioni

Continua lo stallo in chiave maggioranza. Allo stato dei fatti, la situazione potrebbe sbloccarsi solo in due modi. Innanzitutto, grazie a un accordo tra Movimento e Pd. Notizie si attendono dalla direzione Dem di giovedì; d’altra parte, sono ben poche le speranze che sia questa la strada giusta per risolvere l’empasse. In secondo luogo, nonostante i “tira e molla” delle ultime settimane riferiscano il contrario, non sembra mai essersi chiusa del tutto l’ipotesi di intesa tra 5 stelle e centrodestra.

Detto ciò, il Presidente della Repubblica Mattarella presenterà le proprie valutazioni già nella giornata di venerdì. Una cosa è certa: dal Colle si continua a escludere la possibilità di elezioni anticipate. Non sarebbe soltanto una valutazione politica a impedire la riapertura delle urne in tempi brevi; a sbarrare la strada anche delle motivazioni di carattere tecnico.

Consultazioni Governo 2018: voto a giugno impossibile, le opzioni

Quasi scaduto il termine per aprire le urne a giugno; la legge sul voto estero impone di avviare le procedure elettorali con un congruo anticipo (45-70 giorni; in media ne servono 60) rispetto alla data delle elezioni. Dunque, il Capo dello Stato, magari dopo un altro giro di consultazioni volto a certificare l’impossibilità di formare una maggioranza, dovrebbe sciogliere le Camere al massimo giorno 9 maggio (si potrebbe votare il 24 giugno).

D’altra parte, è improbabile che si vada a votare a settembre così come a ottobre. Il Quirinale teme che il risultato non si discosterebbe poi tanto da quello fuoriuscito dalle urne il 4 marzo. Inoltre, a conti fatti non ci sarebbe abbastanza tempo per approvare la Legge di Stabilità; quindi, il paese sarebbe costretto all’esercizio provvisorio di bilancio. Tuttavia, alla fine, tale ipotesi potrebbe rivelarsi “l’ultima spiaggia”.

Infatti, a meno che non arrivino in extremis dei segnali chiari dalle forze politiche Mattarella sarà obbligato a scegliere tra due opzioni: un governo che duri fino alla fine dell’anno, in pratica, fino all’approvazione della Finanziaria, oppure, un governo che guidi il paese fino alle prime elezioni autunnali della sua storia.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Avete fiducia nel nuovo governo?

Votate il sondaggio

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

articolo scritto da: