pubblicato: mercoledì, 7 novembre, 2018

articolo scritto da:

Agevolazioni prima casa 2018 residenza, successione. Come funzionano

affitto in nero, che succede? residenza anagrafica e domicilio, che differenze ci sono. Agevolazioni prima casa 2018 residenza, successione. Come funzionano

Agevolazioni prima casa 2018 residenza, successione. Come funzionano

Detrazioni prima casa, cosa spetta in busta paga


Per agevolazioni prima casa si intendono l’insieme di benefici fiscali che hanno lo scopo di favorire l’acquisto di immobili destinati a prima casa. Infatti grazie a tali misure si accede a benefici che consentono riduzioni di spese circa imposta di registro o Iva. Inoltre vi sono benefici per i quali chi accede alla misura non è tenuto al pagamento dell’imposta di bollo. E anche dei tributi speciali catastali; tasse ipotecarie sugli atti assoggettati all’imposta di registro e anche sugli atti necessari per effettuare gli adempimenti presso il catasto e i registri immobiliari.

Agevolazioni prima casa, le categorie catastali ammesse

Come detto le agevolazioni sono riservate a chi acquista l’abitazione principale. Vediamo quali sono i campi di applicazione ed in particolare per quali categorie catastali valgono. Perché siano valide il fabbricato deve appartenere ad una delle seguenti categorie catastali. A/2 (abitazioni di tipo civile); A/3 (abitazioni di tipo economico); A/4 (abitazioni di tipo popolare); A/5 (abitazioni di tipo ultra popolare); A/6 (abitazioni di tipo rurale); A/7 (abitazioni in villini); A/11 (abitazioni e alloggi tipici dei luoghi).

Invece non è possibile accedere alle agevolazioni prima casa nel caso di appartenenza dell’immobile alle seguenti categorie catastali: A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici).

Agevolazioni prima casa, condizioni e requisiti

Non è tutto. Chi acquista l’immobile deve avere la residenza nello stesso comune. O deve lavorare all’interno dello stesso Comune. L’acquirente deve inoltre rispettare determinati requisiti. Quali? Non deve essere titolare di un altro immobile nello stesso comune e non deve essere titolare su tutto il territorio nazionale di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su un altro immobile acquistato, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa). Dal 1° gennaio 2016, i benefici fiscali sono riconosciuti anche all’acquirente già proprietario di un immobile acquistato con le agevolazioni, a condizione che la casa già posseduta sia venduta entro un anno dal nuovo acquisto.

Agevolazioni prima casa, i vantaggi pratici

In cosa consistono i vantaggi delle agevolazioni prima casa? Alcuni casi pratici. Se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva, le imposte da versare con i benefici “prima casa” sono: imposta di registro proporzionale nella misura del 2% (invece che 9%); imposta ipotecaria fissa di 50 euro; imposta catastale fissa di 50 euro. Se, invece, si acquista da un’impresa, con vendita soggetta a Iva, le imposte da versare con i benefici “prima casa” sono: Iva ridotta al 4% (invece che 10%), imposta di registro fissa di 200 euro; imposta ipotecaria fissa di 200 euro e imposta catastale fissa di 200 euro.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: