23/01/2019

Pensioni ultime notizie: Quota 100, tabella beneficiari e decreto in pdf

autore: Daniele Sforza
Pensioni ultime notizie: Quota 100 decreto pdf
Pensioni ultime notizie: Quota 100, tabella beneficiari e decreto in pdf

Tabella beneficiari Quota 100 2019


Sul tema pensioni ultime notizie riportano i dettagli di Quota 100, riferiti nel decreto approvato in Consiglio dei Ministri giovedì 17 gennaio 2019. In attesa delle circolari operative e di alcuni chiarimenti, possiamo dunque andare a vedere cosa dice il decreto, mettendovi a disposizione anche il pdf del testo integrale (lo trovate alla fine di quest’articolo). Chi saranno i beneficiari di Quota 100? Quali le finestre di uscita? È cambiato qualcosa rispetto alle ultime bozze? Andiamo a scoprirlo.

Pensioni ultime notizie: Quota 100, requisiti anagrafici e contributivi

Come ormai è noto Quota 100 è una misura attuata in via sperimentale per il triennio 2019-2021. La soluzione è rivolta agli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria e alle forme esclusive e sostitutive della medesima gestite dall’Inps, nonché alla gestione separata. I requisiti per l’accesso a Quota 100 sono i seguenti.

  • 62 anni di età anagrafica (adeguato successivamente agli incrementi alla speranza di vita);
  • 38 anni di contributi.

È possibile optare per il cumulo contributivo gratuito. Al comma 2 dell’articolo 14 del decreto, infatti, si legge che gli iscritti a due o più gestioni previdenziali “hanno facoltà di cumulare i periodi assicurativi non coincidenti nelle stesse gestioni amministrate dall’Inps”. L’unica condizione è che gli stessi soggetti non siano già titolari di trattamento pensionistico a carico di una delle gestioni coinvolte nel cumulo.

Pensioni ultime notizie: Quota 100, finestre di uscita

Andiamo adesso a vedere quando si può uscire con Quota 100. Nel testo si legge che gli iscritti alle gestioni pensionistiche di cui al comma 1 che hanno maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2018, conseguiranno il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico dal 1° aprile 2019. Chi invece matura i requisiti dal 1° gennaio 2019, potranno uscire dopo 3 mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi.

Differente il discorso per i lavoratori dipendenti della pubblica amministrazione. Per questi sussistono queste regole.

  • Requisiti maturati entro il 31 dicembre 2018: diritto al trattamento pensionistico dal 1° luglio 2019;
  • Requisiti maturati dal 1° gennaio 2019: diritto al trattamento 6 mesi dopo la data di maturazione dei requisiti.
  • Preavviso Quota 100: 6 mesi;
  • Personale Scuola: si applicano le disposizioni di cui all’art. 59 (comma 9) della Legge n. 449/1997. Infatti, in sede di prima applicazione, entro il 28 febbraio 2019, il relativo personale a tempo indeterminato può presentare domanda di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio rispettivamente dell’anno scolastico o accademico.

Pensioni ultime notizie: Quota 100, cumulo reddito e contributi figurativi

Per chi accede a Quota 100 vigerà il divieto di cumulo con reddito da lavoro. Farà eccezione solo il lavoro autonomo occasionale, ma nel limite massimo di 5.000 euro annui.

Non è invece citato alcun limite ai contributi figurativi. Il che farebbe pensare che non ci sia un limite al riconoscimento di questo tipo di contributi. Anche perché inizialmente era previsto un limite di 2/3 anni di contributi figurativi: limite che poi non compare mai nel testo, il che avvalorerebbe la necessità di una maggiore specificazione in caso di limitazione in tal senso.

Pensioni ultime notizie: Quota 100, decreto in pdf

Per consultare integralmente il decreto che contiene Quota 100, vi invitiamo a selezionare il seguente pdf scaricabile e stampabile.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →