28/06/2019

Personale Ata 2019: calcolo ferie contratto a tempo pieno. I giorni

autore: Daniele Sforza
Personale Ata 2019: calcolo ferie contratto a tempo pieno. I giorni

C’è il gran caldo, l’estate è nel suo culmine e anche per il personale Ata è tempo di pensare alle ferie. Ferie che dipendono dal tipo di contratto che si ha (a tempo indeterminato, a tempo determinato) e dalla durata della giornata lavorativa (full time, part time), ma che vengono anche parametrate su un metodo di calcolo che sarà utile conoscere per sapere a quanti giorni di ferie si ha diritto dopo determinati giorni di lavoro nel corso dell’anno, soprattutto per il personale non docente che è stato contrattualizzato a termine.

Personale Ata con contratto a tempo determinato: come calcolare le ferie

Il calcolo delle ferie per il personale Ata a tempo determinato può risultare più complesso di quello relativo al personale contrattualizzato a tempo indeterminato, questo semplicemente perché può sembrare difficile calcolare i giorni di ferie effettivamente spettanti per un lavoratore che spesso non raggiunge nemmeno l’intera annualità riguardo il servizio lavorativo svolto. Proprio per questo motivo, la base di calcolo dei giorni di ferie è rappresentata dai giorni di servizio svolti durante l’anno. Bisognerà quindi moltiplicare il numero dei giorni di servizio per il coefficiente 30 (anzianità di servizio inferiore a 3 anni) o 32 (anzianità di servizio superiore a 3 anni) e dividere il risultato per 360.

Supponiamo che un membro del personale non docente con anzianità di servizio inferiore a 3 anni abbia maturato nel corso di un intero anno scolastico 120 giorni di servizio. Ebbene, questi dovrà moltiplicare 120×30, il cui risultato è 3600. Quindi dividere quest’ultimo risultato per 360: i giorni di ferie spettanti saranno pertanto 10. Naturalmente, se il lavoratore vanta un’anzianità di servizio maggiore di 3 anni dovrà effettuare la seguente operazione: (120×32):360.

Personale Ata con contratto a tempo indeterminato: come si calcolano le ferie

Il calcolo delle ferie per il personale non docente con contratto a tempo indeterminato è piuttosto semplice, invece, e dipende prevalentemente dall’anzianità di servizio. Se quest’ultima è inferiore a 30 anni, i giorni di ferie spettanti saranno 30. Se invece l’anzianità è superiore a 3 anni, i giorni di ferie saranno 32. Si ricorda che quello delle ferie è un diritto irrinunciabile per il lavoratore, che non può dunque essere rigettato da parte del datore.

Busta paga prova le ferie non godute: la sentenza della Cassazione

Personale Ata part-time orizzontale e verticale: calcolo ferie

Il personale Ata può avere anche un contratto part-time, ma per calcolare le ferie relativamente a questa tipologia, bisogna distinguere tra part-time verticale e part-time orizzontale.

  • Part-time orizzontale: le ferie vanno calcolate esattamente come per un contratto full time (quindi, 30 o 32 giorni, in base all’anzianità di servizio);
  • Part-time verticale: bisognerà effettuare la seguente operazione (numero di giorni di lavoro alla settimana x 30/32) diviso 6. Esempio: i giorni settimanali lavorati sono 3, l’anzianità di servizio è inferiore a 3 anni. Quindi (3×30):6=15.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →