L’Uefa tra monopolio, appalti ed esenzioni fiscali. Ecco i padroni svizzeri dell’Euro2012

Pubblicato il 29 Giugno 2012 alle 11:35 Autore: EaST Journal
uefa

L’inizio degli Europei ha puntato i riflettori sui due paesi ospitanti, la Polonia e l’Ucraina, però bisogna sottolineare che la vera organizzatrice dell’evento è l’ UEFA. La Union of European Football Associationsè una società di diritto privato svizzera nata nel 1954 ed è l’organo amministrativo, organizzativo e di controllo del calcio europeo.

[ad]Ha sede a Nyon, in Svizzera. e gli europei di calcio sono il suo prodotto di punta che comprende anche la Champions League e gli Europei delle donne e dei giovani. L’organizzazione della società è costruita sull’idea del monopolio poiché le sue procedure hanno ben poco a che vedere con le basilari regole della concorrenza : non sono previste gare d’appalto, concorsi e selezioni bensì tutte le decisioni ed i negoziati sono confidenziali e ci sono procedure interne delle quali l’organizzazione non informa nessuno. Questo schema d’azione dev’ essere accettato da tutti quei paesi che si vogliano candidare per ospitare le varie edizioni degli Europei.

Come ha ben sottolineato il settimanale polacco “Polityka” ( nr.13/2012) la Polonia e l’Ucraina hanno dovuto allegare varie “garanzie” ( circa 30) alla propria candidatura durante i processi di selezione e farle firmare da diverse autorità e rappresentanti delle istituzioni: la maggior parte di esse concerneva gli aspetti tecnici dell’organizzazione del torneo (costruzione di stadi, strade, stazioni, adeguamento degli hotels, ecc). Vi erano presenti anche garanzie di carattere giuridico-fiscale: ad esempio la nr.11 riguardava la concessione da parte dei paesi ospitanti di particolari “esenzioni fiscali “per l’UEFA ed il suo personale con un preciso riguardo al quasi totale rimborso dell’Iva. La Polonia e l’Ucraina insomma attraverso queste “garanzie” si sono impegnate a cambiare il proprio diritto tributario, la normativa sulla proprietà intellettuale ed il sistema degli appalti pubblici.

uefa

 

In Ucraina hanno risolto ogni possibile contrasto con la legislazione nazionale incorporando parte del regolamento dell’Uefa tra le proprie leggi; in Polonia ci sono state diverse proteste soprattutto per le parti del regolamento concernenti la completa mancanza di procedure d’appalto per quasi tutti gli ordini pubblici riguardanti l’evento e per la ferma volontà da parte dell’ Uefa d’impedire ogni tipo di pratica di marketing allusivo (ambush marketing). La Polonia su quest’ultimo punto in particolare non ha ceduto e sintonizzandosi con la maggioranza dei paesi europei ha concesso la possibilità di questo tipo di pratica.

Un altro esempio di questa dinamica squisitamente monopolista può essere dedotto dal fatto che il business dei diritti televisivi, la scelta degli sponsor internazionali e nazionali e la concessione delle licenze per poter utilizzare il logo dei campionati vengono prese tutte nella sede della federazione, a Nyon.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →