•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 26 luglio, 2012

articolo scritto da:

Di Pietro lancia l’alleanza dei non allineati. Chi lo seguirà?

Di Pietro lancia l’amo e prova a riposizionarsi. Ormai tagliato fuori da una possibile alleanza con il Partito Democratico, e con una tenuta interna del proprio partito che comincia a scricchiolare, è necessario che l’ex pm riscopra i rapporti positivi che fino a qualche tempo fa aveva con Beppe Grillo e convinca anche Vendola ad entrare in coalizione con loro.

[ad]Appena tre giorni fa Donadi, cofondatore dell’Italia dei Valori aveva invitato Di Pietro a non sprecare gli sforzi fatti per costruire l’alleanza di centrosinistra, la “foto di Vasto” scattata durante la Festa nazionale del Partito, attaccando ogni giorno il principale alleato e soprattutto il Presidente Napolitano. Ed aveva ammonito: “non sono il solo a pensarla così”. A ruota avevano seguito il Senatore Elio Lannutti – dimessosi dal Partito ed indisponibile a ricandidarsi nel prossimo quinquennio – ed il segretario della giovanile, i “Giovani di Valore”, Rudi Russo. Il giovane leader reputa assurdo che il Pd cerchi di coalizzarsi con chi, a suo tempo, ha candidato Totò Cuffaro, e sostiene che i margini per ricucire ci siano tutti.

Il pericolo di rimanere isolato, se il Pd confermerà l’alleanza con l’Udc e se riuscirà a portarsi dietro anche Vendola, potrebbe causare all’IdV anche la fuoriuscita dal Parlamento (stante così la legge elettorale). I tempi, tra l’altro, stringono, le voci di elezioni anticipate si fanno sempre più insistenti, bisogna essere rapidi. L’idea è allora quella di creare un polo dei “non allineati”, come lo ha definito lui stesso, il polo di quelli che apertamente, dentro e fuori dal Parlamento, contestano le manovre dell’attuale governo e che da sempre chiedono elezioni anticipate.

Vendola ha già fatto sapere che lui per il momento non ci sta: in questo momento è corteggiato anche da Bersani, non è il momento opportuno per decidere da che parte stare. Senza contare che il Governatore pugliese non ha mai disegnato gli oneri del governo, che presumibilmente gli sarebbero preclusi alleandosi con Grillo e Di Pietro. Difficile, poi che i suoi accettino (e siano accettati) dai grillini, a dividerli c’è la visione stessa della politica.

Il punto allora è duplice: l’ex magistrato ha lanciato l’amo, compagni ed alleati lo seguiranno?

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: