Pubblicato il 06/02/2014

India, Marò “Dolorosa l’accusa di terrorismo”

autore: Redazione

India, Marò “Dolorosa l’accusa di terrorismo”

Latorre e Girone parlano ai media indiani. I due italiani si dichiarano “innocenti” ed in relazione all’accusa di terrorismo aggiungono “è un’accusa che ci fa molto male non solo come militari, ma anche come genitori e uomini. Come militari professionisti italiani che combattono la pirateria questo ci rammarica molto”.

Latorre e Girone “Noi cresciuti in città di mare e pesca” –  Latorre e Girone hanno spiegato ai giornalisti indiani: “noi siamo cresciuti in due città, Taranto e Bari, che si affacciano sul mare  dove una delle principali attività è la pesca: conosciamo i pescatori, siamo pescatori noi stessi. Come militari, come uomini e padri di famiglia siamo molto dispiaciuti per la morte dei due pescatori indiani, ma non siamo responsabili”.

India, Marò Dolorosa l'accusa di terrorismo

Marò “Grazie per sostegno dell’Italia e di Napolitano” – Il sostegno degli italiani “c’è stato fin dall’inizio, ma ora è incontenibile. Quando vogliamo sappiamo essere uniti” ha aggiunto il fuciliere di Marina ricordando anche il supporto e l’impegno del presidente Giorgio Napolitano. “È una grande gioia avere il suo pensiero quotidiano – ha sottolineato a proposito del capo dello Stato – e come militari ne siamo riconoscenti”. Rispondendo ad un’altra domanda, Latorre ha anche ringraziato il ministro della Difesa Mario Mauro “per il fatto che sottolinea costantemente la nostra innocenza”.

Redazione