•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 31 gennaio, 2012

articolo scritto da:

I socialdemocratici svedesi si affidano ad un sindacalista

socialdemocratici

Ripartire. Subito. I socialdemocratici svedesi ci proveranno con un nuovo leader che si chiama Stefan Löfven. È lui che sostituirà quell’Håkan Junholt dimessosi il 21 gennaio scorso dopo appena otto mesi di complicatissima leadership. I laburisti svedesi sono rimasti senza guida appena una settimana segnata da discussioni e divisioni. Alla fine è spuntato il nome di Löfven: giovedì scorso l’incoronazione ufficiosa ma decisiva del Comitato per le nomine; venerdì quella ufficiale.

[ad]C’era bisogno di voltare pagina al più presto, aveva spiegato Carin Jämtin, segretario dei socialdemocratici, e per farlo c’era bisogno di un uomo su cui più o meno tutti, in questa fase, fossero disposti a puntare. Stefan Löfven è apparso quasi subito come l’unica alternativa. Guiderà i laburisti fino al congresso del 2013.

E così i socialdemocratici provano a ripartire, si caricano di nuovo di aspettative e promettono slanci che risollevino un partito precipitato a un 25% di consensi che sa di minimo storico. Ci proveranno appunto con Stefan Löfven, una scelta particolare visto il curriculum di questo 54enne. Anzitutto Löfven non è un parlamentare ma nella vita fa il sindacalista. Dal 2006 leader dei metalmeccanici (organizzazione che in Svezia rappresenta 370.000 lavoratori), ha lavorato come saldatore nel Nord del paese. Origini operaie, è nato a Stoccolma e vive lì. Il fatto che non sia deputato lo costringerà a nominare un suo rappresentante in Parlamento che partecipi ai dibattiti al posto.

socialdemocratici

Löfven ha raccolto subito un mare di attestazioni di stima: competente, talentuoso, dotato di ottime capacità di leadership, analitico, dal ‘cuore socialdemocratico’, di sicuro ricucirà lo strappo con gli elettori e rinnoverà il partito visto che non è solo un sindacalista esperto ma anche un politico competente. Giudizi più che positivi che non devono ingannare: anche Juholt aveva collezionato parole simili alla sua elezione. Poi, pian piano, tutti lo avevano abbandonato. Va detto però che diversi esponenti di grosso calibro del partito laburista avevano pensato a Stefan Löfven già la scorsa primavera, quando si era trattato di decidere a chi affidare la leadership dopo le dimissioni di Mona Sahlin. Invece fu scelto Juholt, aggravando ancora di più una crisi strutturale che si avvita anche e soprattutto intorno alla modalità di selezione del leader. I socialdemocratici si affidano infatti a un Comitato che vaglia alcuni nomi e poi ne sceglie uno da sottoporre ai membri del partito.

Si può dire allora che con qualche mese di ritardo Löfven arriva comunque dove in molti lo volevano vedere. In una conferenza stampa frettolosamente convocata giovedì scorso, si è dichiarato orgoglioso e felice per la stima riposta in lui.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments

Trackbacks

  1. […] del partito, il suo ruolo nella Svezia e le sue regole interne. È stato l’ex sindacalista Stefan Löfven a ridare un po’ di serenità a una formazione politica che ha toccato uno dei punti più bassi […]