•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 19 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Mafia, l’ex governatore siciliano Lombardo condannato a 6 anni

lombardo

Pesantissima condanna per l’ex governatore della regione Sicilia, Raffaele Lombardo, riconosciuto colpevole, dal Gup di Catania Marina Rizza, del reato di concorso esterno in associazione mafiosa e per questo condannato a scontare 6 anni e 8 mesi di reclusione. Laconica la reazione del diretto interessato, presente in aula: “È l’epilogo naturale di questo processo. Me lo aspettavo. Stamattina l’avevo detto a mia moglie”.

Lombardo, su sua stessa richiesta, è stato giudicato con il rito abbreviato. La Procura aveva chiesto 10 anni. Il Gup ha ritenuto il reato elettorale assorbito in quello di concorso esterno nell’associazione mafiosa e su questa base ha determinato la pena. L’ex governatore è stato invece assolto relativamente al capo d’imputazione riguardante i rapporti con il clan mafioso dei Cappello, anche se la magistratura ha comunque provato i contatti avuti con Cosa Nostra.

lombardo

La stessa sentenza ha inoltre rinviato a giudizio il fratello dell’ex presidente, Angelo Lombardo, un passato da deputato Mpa, imputato degli stessi reati. Per lui il processo col rito ordinario si aprirà il prossimo 4 giugno davanti al Tribunale di Catania. Infine, il Gup ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura per valutare la posizione di Mario Ciancio Sanfilippo, editore del quotidiano «La Sicilia».




L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da: