•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 14 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Canada, a quando la costruzione del Keystone XL?

canada

Nel corso degli ultimi mesi, il governo canadese sta pressando quello degli Stati Uniti affinché prenda una decisione definitiva sulla questione del Keystone XL. L’approvazione del progetto da parte del Dipartimento di Stato degli Usa è necessaria poiché l’oleodotto attraverserebbe il confine statunitense, ma qualsiasi decisione non sarà presa probabilmente prima della prossima estate.

L’oleodotto dovrebbe essere lungo complessivamente 1’900 km e dovrebbe trasportare il petrolio estratto nella provincia canadese dell’Alberta alla costa del Texas sul Golfo del Messico. Mentre il tratto fra lo Stato del Nebraska e quello del Texas è già in funzione, il collegamento tra questo tratto e il Canada ha sollevato finora numerose contestazioni da parte degli ambientalisti e di alcuni membri del Congresso degli Stati Uniti.

oledotto

In un rapporto consegnato a fine gennaio, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva affermato che le sabbie bituminose probabilmente sarebbero sviluppate al di là dell’approvazione statunitense, mentre le altre possibilità per ottenere il petrolio dal Canada e trasportarlo fino alle raffinerie del Texas sarebbero peggiori sotto il profilo ambientale.

La costruzione della porzione che collega gli Stati Uniti al Canada non avrebbe, quindi, un impatto sull’ambiente molto rilevante ma, nonostante il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non sollevi alcuna obiezione dal punto di vista ambientale riguardo alla costruzione del Keystone XL, il piano è ormai il principale simbolo del dibattito politico sul cambiamento climatico.

Il segretario di Stato degli Stati Uniti, John F. Kerry, dispone ancora di tre mesi di tempo per esprimere una raccomandazione, ma la decisione finale spetta al Presidente Barack Obama, il quale non ha ancora avvisato quando si esprimerà a proposito. Nel gennaio del 2012, Obama bloccò il progetto rimandando qualsiasi decisione al suo secondo mandato, e questa decisione non fu gradita in Canada. Il governo canadese, infatti, attende la costruzione del Keystone XL, considerandolo fondamentale per implementare l’esportazione del petrolio canadese.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Tonio Time
Tonio Time

Vivo in canada e il problema e' enorme sotto tutti i punti di vista: Economico, sociiale, politico e ecologico! Non si puo' ridurre a un sempice articoletto come quello che avete pubblicato. Prima di tutto va detto che il governo Canadese oggi giorno e' controllato da un partito, quello Conservatore, che ha alla base unicamente gli interessi della provincia dell'Alberta, la cui economia si basa essenzialmente sull'oisand, ed e' qui che si intrecciano i livelli. I governi Conservatori dell'Aberta e federale hanno sistematicamente per 7 anni distrutto i controlli pubblici che esistono per limitare i danni di impatto ambientale. Stanno discriminando e corrompendo i leaders dei nativi per far passare le pipelines (una che va in USA e una che passa per le montagne rocciose per raggiungere i porti della british columbia - la cina e' l'altro partner economico a cui il primo ministro Harper guarda con interesse) dai loro territori! Chi invece, tra i nativi e gli scienziati si lamenta dei pericoli delle pipelines, viene zittito tramite una legge antiterrorismo che permette di far processare i protestanti come "ecological terrorists". Da quando e' stato eletto Harper non ha fatto altro che puntare tutto sulla produzione del bitume che sta arricchendo la sua base elettorale nel west: ha manipolato anche il cambio del dollaro canadese spingendolo alla parita' con quello ameicano cosi' da abbassare i costi dell'estrazione del petrolio dalla sabbia (processo cosi' costoso da essere quasi non profittevole) distruggendo l'economia manifatturiera dell'Ontario e Quebec, province piu' liberali e socialmente aperte! Da un punto di vista ecologico invito tutti a vedere fotografie aeree della zone di estrazione dove si vedono solo laghi di acqua nera! Qui si parla di animali con deformazioni e intere citta', che vivono a valle dei fiumi la cui acqua viene usata per la produzione del petrolio, soggette a percentuali di malattie genetiche mai viste. https://www.google.ca/search?q=oil+sands+aerial+picture&safe=off&client=firefox-a&hs=bGQ&sa=X&rls=org.mozilla:en-GB:official&channel=sb&tbm=isch&tbo=u&source=univ&ei=vvwMU6HGFend2QXIuIHQAQ&ved=0CCkQsAQ&biw=1187&bih=570#channel=sb&q=oil+sands+aerial+&rls=org.mozilla:en-GB:official&safe=off&tbm=isch&imgdii=_