•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 12 marzo, 2014

articolo scritto da:

Renzi: “1000 euro in più all’anno a chi ne guadagna fino a 1500”

“Saranno cento giorni di lotta molto dura per cambiare pubblica amministrazione, fisco e giustizia”. Lo afferma Matteo Renzi nella conferenza stampa a conclusione del Consiglio dei ministri che ha varato il piano per il rilancio dell’economia. Questi tre punti, comunque, non sono stati oggetto di discussione nel cdm, che ha visto come punto centrale la riduzione del cuneo fiscale sulle famiglie.

Taglio dell’Irpef – Dal 1° maggio “per i lavoratori dipendenti o assimilati, il limite è 25.000 euro lordi, che significa circa 1500 al mese netti. Queste persone sono i destinatari del nostro intervento, che permetterà loro di recuperare circa 1000 euro all’anno”. La platea interessata è di circa 10 milioni di italiani ed è formata da persone che hanno contratti da lavoro dipendente o parasubordinato. Il costo totale avrà un costo di circa 10 miliardi di euro.

Taglio dell’Irap – Dal 1° maggio diminuirà anche la tassazione sull’Irap di 10 punti percentuali, finanziata dall’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie, che passeranno dal 20% al 26%. “Abbassiamo il costo del lavoro alzando la tassazione sulle rendite, equiparata a livello europeo. Non toccheremo i bot”, ha assicurato il Presidente del Consiglio, che poi ha aggiunto: “Dal 1° maggio ridurremo del 10% anche il costo dell’energia per le Pmi”.

Riforma del Lavoro – “Nei prossimi giorni spiegheremo una manovra sul lavoro giovanile, che io ricomprendo nella fascia d’età tra i 18 e i 29 anni”. “Dobbiamo creare posti di lavoro con l’impresa sociale, a cui destineremo 500 milioni”. Per le misure sul lavoro Renzi promette un decreto e un disegno di legge. “Nel decreto semplificheremo la legge Fornero, con il contratto a termine che può valere al massimo 3 anni”. “Inoltre rivedremo l’apprendistato”.

renzi

Coperture – Per quanto concerne le coperture, il premier assicura che “il dettaglio dei numeri sarà nel Def che sarà presentato nei prossimi giorni, ma già il premier ha cercato di dare un’idea delle possibili fonti di raccolta della somma necessaria precisando che circa 7 miliardi arriveranno dalla spending review. Si potrà poi utilizzare parte del margine l’attuale 2,6% e il 3% di rapporto massimo tra deficit e pil («che nessuno si sogna di superare») che vale fino a 6 miliardi («ma che non intendiamo utilizzare per intero»).  “Lo Stato italiano spenderà i propri soldi nel rispetto dei limiti europei”.La copertura di questa somma arriverà «dal risparmio di spesa», da altre manovre di bilancio e, ha assicurato il premier, «senza aumento di tassazione». «Sarà lo Stato – ha precisato – a stringere un po’ la cinghia».

Credit crunch ed edilizia scolastica – Previsto il rafforzamento del fondo di garanzia per il credito, con 500 milioni di risorse in più. Questo strumento, ha ricordato il premier insieme a Graziano Delrio, “ha già garantito 10 miliardi di euro di accesso al credito. E’ una misura importante e significativa, le aziende sanno quanto è importante”. In relazione al piano per le scuole, le risorse a disposizione sono 3,5 miliardi e dal 1° aprile sarà attiva presso il Miur una unità di missione che segua il lavoro di rilancio dell’edilizia.

Altri provvedimenti – Il premier ha snocciolato una serie di provvedimenti di carattere economico, che serva a dimostrare come la politica dia il buon esempio. “Dal 26 marzo al 16 aprile – ha spiegato ad esempio – le auto blu andranno all’asta come abbiamo fatto a Firenze. Sono oltre 1500. Dal 26 marzo andranno all’asta». Il premier ha poi garantito lo sblocco «immediato e totale» dei debiti della pubblica amministrazione: «22 miliardi già pagati – ha sottolineato – e 68 miliardi che pagheremo entro luglio». Il premier parla anche del piano casa, che prevede invece uno stanziamento da 1,7 miliardi. L’ultimo provvedimento annunciato riguarda la diminuzione del 10% del costo dell’energia per le Pmi.

Italicum e riforme istituzionali – Una battuta, infine, sulla legge elettorale: “Sono molto contento, nonostante i gufi, che l’Italicum sia stato approvato alla Camera con 200 voti di scarto”. Poi l’annuncio a sorpresa: “Se non riesco a superare il bicameralismo perfetto considero conclusa, oltre che l’esperienza del governo, anche la mia carriera politica”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

77 Commenti

  1. Luca Argalia ha scritto:

    Bravo finalmente uno che fa le cose invece di chiacchierare e basta.

  2. Annita Mastrodomenico ha scritto:

    Prevedo che ne paghetanno 2000 in più di tasse! ….aspettare per vedere!.

  3. Lucia Locatelli ha scritto:

    Almeno una franchigia di 50.000,00 max 100.000,00 come ha chiesto banca etica

  4. Gianluca Mori ha scritto:

    La prima cosa furba che ha detto. Vedremo.

  5. Luca Regolo ha scritto:

    Invece di occuparsi della disoccupazione galoppante, da il dolcetto a quattro ebeti, che non capiscono il gioco delle tre carte… ‘sticazzi!!! Renzi=Il genio della lampadina!

  6. Daniel Spadacini ha scritto:

    Ha dimenticato la marmotta che incartava la cioccolata…

  7. Salvatore Caputo ha scritto:

    C’è chi prova a fare qualcosa….magari non eccelsa ma ci prova. C’è chi sa solo sbraitare e fare soldi col sacro blogghe…

  8. Luca Argalia ha scritto:

    La bicamerale perfetta è il cancro di questo paese

  9. Andrea Ricciotti ha scritto:

    Dai renzi avanti tutta,qualcosa sta cambiando!

  10. Massimo Siliato ha scritto:

    Una scelta obbligata .

  11. Simone Ceradini ha scritto:

    li hai visti tu quei soldi?

  12. Luigi Di Maio ha scritto:

    Il cancro di questo paese sono i politici che ci hanno governato fino ad oggi. Le leggi “importanti”, come ad esempio il lodo Alfano, sono state approvate in pochissimi giorni. Pertanto non prendiamoci in giro!

  13. Patrizia Baldi ha scritto:

    meno di 100 euro al mese, cos’è, elemosina?

  14. Stefano Romano ha scritto:

    Ammazza che sorpresona !!!! Ma si sa in questo paese bastano le briciole per imbonire le pecore e lui lo sa perfettamente. …

  15. SilvioBerluschini ha scritto:

    e chi è inoccupato che deve fare? come la mantiene una casa? deve andare a rubare visto che non è tutelato nemmeno dallo status di “disoccupato”?

  16. Barbara Romana ha scritto:

    Almeno sto renzi qualcosa la fa… Ma tanto se non manda a fanculo l Europa a poco serve… Se ne accorgerà

  17. Alan Ford ha scritto:

    Evviva, ma…. mettiti d’accordo con i tuoi ministri sulle coperture, che mi pare siano alquanto ballerine.

  18. Stefano Faccin ha scritto:

    … e l’offerta non finisce qui; alle prime 30 chiamate riceverete in regalo un set da cucina e una bambola gonfiabile !

  19. Filippo Valera ha scritto:

    ma i pensionati non sono comsumatori… e perchè sono esclusi?

  20. Martino Provenza ha scritto:

    Più soldi in busta paga? Macché, addizionale Irpef +12,1% rispetto al 2013
    La presa in giro degli italiani non ha fine. Vi sembra che questa notizia abbia lo stesso rilievo del taglio del cuneo fiscale tanto sbandierato da Renzi? E’ inutile avere speranze, il tunnel che abbiamo imboccato è senza uscita.
    Se il governo promette di dare più soldi nelle tasche degli italiani, ci pensano gli enti locali ad alleggerire la busta paga. Amarzo, infatti, arriva un antipasto indigesto da pagare con gli acconti e i saldi delle addizionali regionali e comunali Irpef. Secondo la Uil, i lavoratori dipendenti ed i pensionati troveranno pagheranno in media 97 euro, pari al 29,3% in più rispetto a marzo dello scorso anno, con punte di 139 euro a Roma.
    Per l’intero 2014 l’Irpef federale peserà mediamente 564 euro (+12,1% rispetto all’anno scorso).
    A marzo, spiega sempre lo studio del Servizio politiche territoriali della Uil (con una elaborazione sul peso delle aliquote Irpef locali per un reddito medio di 23mila euro), in particolare per l’Irpef regionale si pagheranno mediamente 59 euro, a fronte dei 49 euro dello scorso anno (+20,4%), mentre per l’Irpef comunale 38 euro, a fronte dei 26 euro dello scorso anno (+46,1%). In totale, dunque, mediamente si sborseranno 97 euro (+29,3%).
    Aumenti aliquota dei Comuni – Gli acconti, per l’Irpef regionale e comunale, sottolinea il segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy, sono gravati dagli aumenti apportati da alcune Regioni per quest’anno, ma soprattutto, per quanto riguarda l’Irpef comunale, ci sarà l’effetto degli aumenti di aliquota decisi dai Comuni lo scorso anno.
    Dai 139 euro di Roma ai 107 di Milano – Nelle grandi città come Roma l’acconto e il saldo peseranno mediamente 139 euro (83 euro per l’Irpef regionale e 56 euro per quella comunale); a Torino 126 euro (76 euro per l’Irpef regionale e 50 euro per quella comunale); a Napoli 123 euro (73 euro per l’Irpef regionale e 50 euro per quella comunale); a Genova 115 euro (65 euro per l’Irpef regionale e 50 euro per quella comunale).
    A Milano si pagheranno mediamente 107 euro (57 euro per l’Irpef regionale e 50 per quella comunale) e si faranno sentire l’aumento dell’aliquota decisa dal Comune e la riduzione delle agevolazioni per i redditi sotto i 33.500.
    Pressione fiscale – Nel frattempo si sta delineando, come per alcune Regioni, un trend in crescita per l’Irpef comunale 2014. Su 104 Comuni che hanno deliberato per il 2014, 43 di hanno aumentato l’aliquota. Aumenti, questi, “alquanto dolorosi – sottolinea Loy – in quanto le addizionali si pagano sull’intero imponibile e non tengono conto delle detrazioni per la produzione del reddito.
    Per questo, è fondamentale ripensare l’intera politica economica e fiscale del Paese, che metta al centro la questione di una diversa ripartizione della pressione fiscale, alleggerendo il carico alle persone con un reddito fisso”. Ciò che maggiormente preoccupa, viene infine sottolineato, è il possibile dato finale su quanto lavoratori e pensionati pagheranno di tasse locali: quella regionale passerà mediamente dai 363 euro del 2013 ai 409 euro del 2014 (+12,7%), con picchi di 536 euro nel Lazio (+34,3%) e 490 euro in Piemonte (+25,3%).
    L’Irpef comunale passerà dai 140 euro medi pagati nel 2013 ai 155 euro medi di quest’anno (+10,7%), con punte di 207 euro a Roma e 184 euro a Napoli, Milano e Torino. Ossia 564 euro medi (+12,1%).
    Fonte: http://www.finanzainchiaro.it

  21. Mario Lanza ha scritto:

    ah,beh,se lo dice beppe grillo,personaggio DISINTERESSATISSIMO …XD

  22. Vito Martinelli ha scritto:

    Per dirla alla “ABATANTUONO”: Ek i mac di Firenz ke lievita e com lievita!

  23. Paolo Basaglia ha scritto:

    Il 10% in più a chi guadagna solo 1000 euro al mese non la definirei elemosina. Beata lei che può avere molto di più. Facile criticare.

  24. Paolo Basaglia ha scritto:

    Mi sbaglierò, ma l’ho ascoltato e questo ha tutto un altro eloquio ed un altro passo! Sempre più contento di averlo votato alle primarie.

  25. Maria Damaso ha scritto:

    se parli così vuol dire che tu guadagni più di 1500 euro al mese. :Non ti preoccupare a te l’ elemosina non te la da.

  26. Guido Zaccaro ha scritto:

    Bene..un inversione di tendenza. ….certo di strada da compiere..c’è ne tanta..ma la strada è quella giusta…possibile che in passato..quando a mio parere. .le cose non andavano….ed esprimevo. .la mia contrarieta’..venivo etichettavo. .Grillino? ..

  27. Lorenzo Blancato ha scritto:

    Ma speriamo matteo, mi farebbero comodo

  28. Beppe Roca ha scritto:

    Patri di quanto vuoi…..ti bastano 3/400 euro ? Di grazie se si avvera…..

  29. Valerio Cianfrocca ha scritto:

    Vorrei ricordare en passant che quando il presidente venezuelano Maduro l’anno scorso mise in atto un’azione simile, molti (compreso questo sito) lo accusarono di populismo…

  30. Antonio Gemma ha scritto:

    Credo che questa sia la via giusta…con più soldi alla gente ripartono i consumi,i mercati quindi l’economia…non ci vogliono archi di scienze economiche per capirlo…

  31. Edoardo Micati ha scritto:

    Diciamolo, Renzi li ha spiazzati tutti. Ora rintuzzano soltanto i quaquaraqua.

  32. Adriano G. V. Esposito ha scritto:

    Dai porco giuda!!!

  33. Sandra Dicognomeedifatto Laico ha scritto:

    “Ansa.it: “Renzi e #lasvoltabuona: 100 giorni di lotta, 85 euro in più a chi guadagna 1500 euro al mese”.
    Repubblica.it: “Mille euro in più all’anno a chi ne ha 1500 euro al mese”.
    Unita.it: “Renzi: ’10 miliardi a 10 milioni di lavoratori” (detta così l’impresa di Renzi suona più epica, nevvero?).
    LaStampa.it: “Soldi in busta a dieci milioni di italiani. Mille euro all’anno in più a chi ne prende 1500”.
    A leggere titoli del genere, tutto sembrerebbe già deciso, ratificato e irreversibile.
    Ma in realtà non è successo niente. Per due motivi: non c’è nulla di concreto e non ci sono i quattrini. Oltre le slide non c’è di più.” Francesco Manna

  34. Giancarlo De Luca ha scritto:

    ma c’è qualche italiota che ci crede? ossignor!!

  35. Raffaele Frezzato ha scritto:

    Fatti non parole. Anche le parole sono gratis.

  36. Massimo Pilo ha scritto:

    a me che non trovo lavoro, cosa mi da??.

  37. Claudio Gardini ha scritto:

    E dopo le europee un aumento di 79 euro di tasse….. Se ci mettiamo anche le primarie per un mese siamo sotto di un euro

  38. Arianna Ales ha scritto:

    Massimo Pilo per te ci pensa Grillo..che ti da’ il reddito di cittadinanza..1000 euro al mese pet tutti..ti basta?

  39. Alan Ford ha scritto:

    Chiù pilo pe’ tutti. E alle europee ricordatevi di me (era sottinteso)

  40. Alan Ford ha scritto:

    Come disse Berlusca quando ci regalò i soldi dell’IMU

  41. Francesco Di Stefano ha scritto:

    E continuano a prenderci per i fondelli !!!!! Quasi tutte le aziende stanno chiudendo il lavoro non c’è n’è e lui fa una manovra del genere …..ma basta

  42. Salvo Meli ha scritto:

    Il M5S: nessuna misura per l’occupazione… SE NON CRESCE LA DOMANDA INTERNA PUOI PREVEDERE TUTTI I TIPI DI CONTRATTI E SGRAVI POSSIBILI LE AZIENDE NON AVRANNO MOTIVO DI ASSUMERE CON IL FATTURATO CHE CALA SEMPRE PIU’. #LASTRADAGIUSTA ! BUONE QUESTE MANOVRE ANNUNCIATE

  43. Daniele Vicidomini Junior ha scritto:

    abbassatevi lo stipendio questo e’ un atto di democrazia….non le tue stronzate

  44. Vanni Mircoli ha scritto:

    Sandra “Bugiardodinomeedifatto” Stai a rosicà : Soprattutto non c’è niente nella tua testa e nella tua coscienza , visto che sei in completa malafede !

  45. Sandra Dicognomeedifatto Laico ha scritto:

    wow…la tue considerazioni mi hanno convinta!Non è colpa mia se i giornali intitolano i loro articoli così.La malafede non mi interessa perchè tanto non sono io quella che legifera,nè tantomeno mi rientrano soldi in tasca.Quindi di cosa vai sparlando,buon uomo??

  46. Vanni Mircoli ha scritto:

    I grillini rosicano !!! Ma loro se non parla grillo non sanno come la pensano !

  47. Regino Gino Mascia ha scritto:

    E ai Pensionati? Niente niente niente…….non contiamo niente niente niente …..continueremo a sobbarcarci l’Irpef con l’aliquota attuale!!!!! Grazie Renzi, Ci fosse stato ancora Berlinguer ti avrebbe mandato a f…………….

  48. Emanuela Skulina ha scritto:

    vediamo! Stiamo assistendo al più grande successo o al più grande flop dell’era Repubblicana! Sono proprio curiosa!

  49. Salvatore Salvio ha scritto:

    intanto godiamoci gli aumenti ………………..

  50. Sandra Dicognomeedifatto Laico ha scritto:

    Sembrate la curva di uno stadio.Tutto questo odio per quale motivo,poi?Stiamo tutti sulla stessa barca,che sicuramente non è la stessa di questi politicanti da strapazzo.Un pò di vergogna e umiltà no??

  51. Anna Totino ha scritto:

    evvai, con 80 euro ora si fa baldoria, usciamo sicuramente dalla crisi

  52. Silvia Girasole ha scritto:

    il problema è che si fa sempre di tutta l’erba un fascio. ci saranno coppie senza figli con doppio reddito che avranno 170euro in più e ci saranno famiglie monoreddito e con figli che ne avranno la metà, mi auguro che non sia così.

  53. Nicola Schiralli ha scritto:

    80 euro sono meglio di niente, soprattutto per famiglie con un reddito molto basso, fai una spesa decente in più con 80 euro. Perchè dovete sempre parlare a vanvera? Intanto lui lo fa, altri fanno solo chiacchiere.

  54. Nicola Schiralli ha scritto:

    P.S.: mentre Renzi progetta queste cose il tuo Dibba guarda le partite e il tuo Grillo strepita a iosa. E ho detto tutto

  55. Caputo Luigi Giorgio ha scritto:

    Ora la domanda è: farà prima Renzi a eliminare il Senato o farà prima il Senato a eliminare Renzi? Soltanto l’altro ieri sembrava che niente e nessuno potesse impedire al turbo-premier di “cambiare verso” all’Italia, in cinque mesi o giù di lì.

  56. Roberto Rossi ha scritto:

    E i pensionati che prendono solo la minima….pirlone xche’ li hai lasciati fuori anche loro pagano l’IRPEF…sei un pinocchio ….piu’ falso di GIUDA…hai rovinato ancora di piu’ i pensionati con reddito basso…vuoi portare l’acqua al tuo mulino cerca di non affogare…stronzo..

  57. Manuele Bartalucci ha scritto:

    Cara Sandra Laico, cosa faresti te al governo? A parlare e buttare merda tutti bravi…poi anche gli amati grillini hanno fatto tutto tranne che prendersi un po’ d responsabilità e stanno giustamente sparendo nel nulla dal quale provengono

  58. Gaetano Fano ha scritto:

    Chi guadagna 1500 ne riceve altri cento,chi ha una pensione di 2500 ne regala cento al primo.bravo renzi stai scatenando la guerra tra poveri!

  59. Elisabetta Maccarini ha scritto:

    non sono 1000 euro ma 500 e anche lì svariate sfumatore in base a…vediamo di non sparar minchiate

  60. Massimo Siliato ha scritto:

    I benaltristi all’attacco . Ed i Pensionati? ed i Disoccupati? E gli esodati? E gli invalidi civili ? E gli ammalati? E le donne separate? E le casalinghe? Ed i padri separati? E gli orfani? …. che popolo di merda che siamo , buoni solo a sputare veleno . BENEDETTI 80 EURO AL MESE E CHI HA APPROVATO QUESTA MISURA .

  61. Paola Mercuri ha scritto:

    hahahhahhah………..nicola io sto aspettando anko l’imu che mi venga restituita…e sto aspettando la luce che si vede in fondo al tunnel….hai ragione aspettiamo anke a renzie e chi verrà dopo di lui a darci la dignità di vivere invece che suicidarsi….hai ragione la colpa della crisi di di battista e di grillo che guardano la partita…..hahahahahahahah……….spero che di gente come te ce ne sia rimasta poca……..

  62. Nicola Schiralli ha scritto:

    Fare populismo in questo (e in quello dei grillini) modo non cambia i fatti. E finora avete solo fatto chiacchiere per avere voti senza nessun fatto

  63. Vittorio Verardini ha scritto:

    e chi non lavora va a rubare

  64. Irene Moretto ha scritto:

    prima vedere cammello ………. io sto ancora aspettando il milione di posti di lavoro del capo marketing……..

  65. Antonio Grazia Romano ha scritto:

    e per quelli che non guadagnano niente aspettiamo il 2015

  66. Bruno Dezi ha scritto:

    l’incrocio tra giorgetto La Pira e achille Lauro

  67. Maikol Borsetti ha scritto:

    beh, 80 euro se ne guadagni meno di 1500 sono un incremento di oltre il 5% del proprio reddito. Non è poco.
    Ma soprattutto a che serve criticare a prescindere’?

  68. George Ross ha scritto:

    Caro Renzi per te i pensionati, i disoccupati, ,esodati, sono da buttare nei cassonetti questi non servono più’ vero !!! grazie lo teniamo presente quando si andra,’ dentro le urna ha votare !!!!

  69. Zeno Stanghellini ha scritto:

    Non è costituzionale…Quindi è fuffa…

  70. Zeno Stanghellini ha scritto:

    Meno male perchè non sarebbe giusto verso chi ha versato anni di contributi essere equiparato a chi non ha mai lavorato…

  71. Francesco Triglia ha scritto:

    Renzie, mi sembri Letta con il mega-investimento degli arabi …….

  72. Nicola Caputo ha scritto:

    chi non ha reddito può continuare a suicidarsi, sembra questo il senso dell’annuncio

  73. Filippo Fior ha scritto:

    tanto dopo i vent’anni di immobilismo berlusconiano ci sarà sempre chi critica

  74. Fabio Masci ha scritto:

    più pilu per tutti!!!!

  75. Ivano Corsi ha scritto:

    ci risiamo con la demagogia

Lascia un commento