•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 13 marzo, 2014

articolo scritto da:

Quando le Province diventano “Consorzi”: il caso siciliano

crocetta sicilia

L’Ars ha deciso: le province sono abolite. 62 voti a favore su 90. Un grande risultato dopo un anno dall’annuncio e tre mesi di discussione al Consiglio Regionale. Ma come sono state cancellate, adesso rischiano di risorgere sotto un altro nome: consorzi.

Già. Le nove province siciliane saranno sostituite da nove “Liberi consorzi dei comuni”. Ma vanno costituiti in fretta: sei mesi. Tra i requisiti vi è la necessità di una popolazione pari a 180.000 abitanti e “quelli coincidenti con i comuni soppressi non abbiano una popolazione inferiore a 150 abitanti”. Vi sono anche alcune novità: anzitutto l’abolizione del voto diretto. Gli organismi saranno votati dalle assemblee dei consorzi. Sulle funzioni, invece, ancora non si sa bene nello specifico quali saranno: la legge sulle competenze di questi nuovi enti è stata, infatti, rinviata a data da destinarsi.

crocetta sicilia

Un risultato difficile quello ottenuto da Crocetta. Dopo aver annunciato ormai un anno fa le dismissioni delle province, ha dovuto mediare a lungo tra i partiti che sorreggono la sua poltrona di Presidente della Giunta Regionale. Ed anche con l’opposizione del Movimento 5 Stelle. La legge che porta il nome di Antonello Cracolici (Partito Democratico) è stata salutata dal diretto interessato in modo estremamente positivo: “questa legge non azzera le Province, ma le supera”. Il capo dell’opposizione, Nello Musomeci, attualmente presidente della Commissione Antimafia Regionale, bacchetta Crocetta e i suoi: “dove sta il risparmio se tutto viene trasferito dalle province ai liberi consorzi, dal personale ai debiti? Come si fa a parlare di risparmio, dove sta la convenienza? Questo mostro giuridico è figlio di molti padri e di consulenti ‘quaquaraqua’ del diritto. Dopo le tv locali Crocetta dirà le stesse cose nello studio romano di Giletti su Rai 1: questa non è una riforma per i cittadini ma per i giornali”.

Ma anche chi l’ha votata non è sicuro dell’innovazione. Parla Calogero Firetto (Udc): “questa non è la riforma che io avrei voluto, ma è appunto il frutto di una sintesi vasta”. Gli fa eco Francesco Cappello, capogruppo M5S: “il rischio è che le mediazioni tra i partiti ritardino il completamento della riforma che senza di noi non sarebbe mai stata nemmeno approdata a questo punto d’inizio”. Insomma, una legge che non soddisfa pienamente i deputati dell’Assemblea Regionale Siciliana. A breve si dovrà votare le competenze, per poi passare alla creazione delle tre aree metropolitane di Palermo, Catania e Messina. Lì, lo si può già intuire, vi sarà una forte spaccatura dentro e fuori l’Ars.

Daniele Errera

 

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Lucia Locatelli ha scritto:

    Buffoni

  2. Oreste Picari ha scritto:

    Crocetta che delusione!

  3. Fosco Massimiliano Magaraggia ha scritto:

    profondo cambiamento, anzi: una vera rivoluzione, sì……ahahahahahah

Lascia un commento