•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 13 settembre, 2014

articolo scritto da:

Salvatore Settis insegna come comunicare l’arte di quattromila anni fa

salvatore settis

Noto ai più per la sua recente opposizione alla sgarbiana proposta di trasferire i bronzi di Riace a Milano in vista di Expo, Salvatore Settis è, per gli intenditori, uno dei massimi storici dell’arte antica in Italia e nel mondo.

A Camogli racconta come sia possibile che un patrimonio culturale che si colloca storicamente così lontano nel passato sia giunto fino a noi, nonostante le alterazioni che duemila anni di Storia hanno portato con sé. I primi a parlare di arte sono infatti i Greci, seguiti dai Romani che ne offrono un compendio; nel Rinascimento nessuno sa differenziare l’arte greca da quella romana dal momento che la caduta del mondo antico comporta la perdita degli originali in marmo e dei bronzi, ma la situazione precipita nell’Ottocento quando, in mancanza dei sopralluoghi in Grecia, Roma era l’unico luogo in cui gli studiosi si dirigevano; tuttavia agli inizi dell’Ottocento l’importazione dei marmi del Partenone a Londra e dei marmi di Egina a Monaco entrano nel dibattito tra greco e romano in modo prorompente, ed è Winkelmann a offrire una narrazione della storia antica dominata dai Greci; da questo momento in poi molto saranno gli errori di valutazione dell’arte classica, che passeranno per canoni ideali quali il candore, il bianco, l’immutevole e la staticità.

bronzi di riace

Ma nuove scoperte, nel frattempo, sembrano minare le certezze winkelmanniane: il frontone di Olimpia comporta uno shock conoscitivo per quegli studiosi che conoscevano solo le statue di Roma e quelle di cui parla Plinio. Questa presenza di nuove sculture, originali perchè da scavo, ma senza autore, è un elemento di disturbo e sconvolgimento del quadro storico: il valore del classico di Winkelmann viene sbalzato dal valore di originale e il valore del frammento diventa carattere essenziale della modernità.

E oggi cosa significa classico? A Roma apparteneva al linguaggio fiscale dove il classicus era colui che pagava le tasse, ma il termine scompare fino al Quattrocento e ha una grande diffusione attraverso la letteratura. Oggi, forse, è il caso di spiegare l’arte classica comparandola a culture a noi totalmente differenti, come nel caso degli indiani Hopi: solo così si potranno scoprire affinità e novità prima d’ora inedite.

Clara Amodeo

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: